Soderling torna sull'impresa contro Rafael Nadal: "È stata solo una partita"



by   |  LETTURE 3672

Soderling torna sull'impresa contro Rafael Nadal: "È stata solo una partita"

I Big 3 condividono attualmente il record all-time di titoli Slam, avendone conquistati 20 a testa. Novak Djokovic è stato il grande protagonista del 2021, in cui ha azzerato il gap che lo separava dagli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal.

Il numero 1 del mondo ha mezzo in bacheca tre Major quest’anno, sfiorando il leggendario ‘Calendar Grand Slam’. In caso di successo agli US Open, Nole sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver ad aggiudicarsi tutti e quattro gli Slam nella stessa stagione.

Il serbo è stato sconfitto da Daniil Medvedev in finale, complice anche la tensione e la stanchezza che si sono abbattute su di lui ad un passo dal traguardo. Il 34enne di Belgrado ha chiuso l’anno in vetta al ranking ATP per la settima volta nella sua carriera, staccando così il suo idolo Pete Sampras.

Federer e Nadal, dal canto loro, hanno dovuto fare i conti con una serie di problemi fisici. Lo svizzero non tornerà in campo prima dell’estate 2022, mentre lo spagnolo giocherà l’esibizione di Abu Dhabi a metà dicembre.

Nel corso di una recente intervista a MARCA, l’ex numero 4 ATP Robin Soderling ha parlato a lungo dei tre mostri sacri.

L'analisi di Robin Soderling

“Chi è il migliore tra Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic? Credo che non esista una vera risposta a questa domanda” – ha ammesso Soderling.

“Per il mio stile di gioco, Federer è sempre stato l’avversario più scomodo da affrontare. Le sue armi mi facevano parecchio male” – ha aggiunto. Lo svedese ha affrontato Re Roger per un totale di 17 volte, riuscendo ad imporsi in una sola occasione (al Roland Garros 2010).

Soderling è diventato molto famoso per essere stato il primo giocatore capace di battere Rafael Nadal al Roland Garros (nell’edizione 2009). “Mi viene sempre chiesto di ricordare quel match, dato che ha avuto un significato molto profondo.

In ogni caso, è stata soltanto una partita di tennis. Nessuno potrà mai spezzare il legame che c’è tra Rafa e il Roland Garros”.