Zeballos: "Mi ricordo ogni singolo punto di quella finale contro Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 1484

Zeballos: "Mi ricordo ogni singolo punto di quella finale contro Rafael Nadal"

Dopo una discreta carriera in singolare, Horacio Zeballos si è affermato come uno dei migliori di giocatori del tour in doppio. Il tennista di Mar del Plata fa coppia con Marcel Granollers ed entrambi hanno già conquistato diversi titoli importanti.

Nella speranza di arrivare a conquistare uno Slam, l’argentino si sta godendo a pieno i suoi ultimi anni da professionista. Ospite del programma ‘ESPN Show’, il 36enne sudamericano ha ripercorso i momenti più significativi della sua carriera nel circuito ATP.

Zeballos non ha potuto fare a meno di ricordare la sua vittoria più prestigiosa, ottenuta contro Rafael Nadal nella finale dell’ATP di Vina del Mar nel 2013. Il fuoriclasse spagnolo rappresenta una fonte di ispirazione per moltissimi giocatori, essendo rimasto ai vertici del tennis maschile anche dopo aver superato i 30 anni.

L’ex numero 1 del mondo ha giocato la miseria di sette tornei ufficiali nel 2021, complice un infortunio cronico al piede. Il maiorchino rientrerà nell’esibizione di Abu Dhabi a dicembre, prima di volare a Melbourne per il primo Major del 2022.

Zeballos ricorda la vittoria contro Nadal

“Ho affrontato tre volte Rafael Nadal in singolare, di cui una in finale. Quella partita che abbiamo giocato a Vina del Mar nel 2013 resterà scolpita per sempre nella mia memoria.

C’erano soltanto altri giocatori che avevano battuto Nadal in una finale sulla terra rossa, vale a dire Novak Djokovic, Roger Federer e Andy Murray. Fa un po’ sorridere il fatto che un giocatore come me sia entrato in una lista così prestigiosa.

Suppongo che tanta gente si sia domandata chi fossi quando ha visto il mio nome” – ha scherzato Zeballos. “Ricordo benissimo che Toni Nadal non faceva altro che dare indicazioni a Rafa, lo spronava in continuazione.

Ad un certo punto, mi sono girato e gli ho detto: ‘Dai Toni, Nadal ha già conquistato una miriade di trofei, fatemi vincere almeno questo’. Lui è morto dalle risate. Dal punto di vista tattico, ho avuto la fortuna che il match si sia disputato in sessione serale. Le condizioni erano più lente e ho potuto gestire meglio il suo topspin” – ha aggiunto.