Alcaraz, dai complimenti di Djokovic al paragone con Nadal



by   |  LETTURE 1791

Alcaraz, dai complimenti di Djokovic al paragone con Nadal

Carlos Alcaraz ha vissuto una stagione da protagonista e mostrato a tutti il suo immenso talento. Il giovane tennista spagnolo ha vinto il suo primo torneo ATP ad Umago, raggiunto la top 40, disputato i quarti di finale agli US Open dopo aver sconfitto Stefanos Tsitsipas e conquistato con merito le Next Gen ATP Finals di Milano.

Alcaraz farà parte della squadra spagnola di Coppa Davis e, insieme ai suoi compagni, cercherà di guadagnare l’accesso ai quarti di finale della storica manifestazione a squadre. Sergi Bruguera ha deciso di convocare Roberto Bautista Agut, Pablo Carreno Busta, Carlos Alcaraz, Feliciano Lopez e Marcel Granollers.

Nelle ultime ore, Bautista Agut ha però annunciato che non prenderà parte alla competizione a causa di un problema agli addominali. A sostituirlo sarà l’esperto Albert Ramos-Vinolas. Ricordiamo che la Spagna è stata inserita nel Gruppo A insieme a Russia ed Ecuador.

Alcaraz, dai complimenti di Djokovic al paragone con Nadal

“Se all'inizio dell'anno mi avessero detto che avrei disputato una stagione del genere, non ci avrei creduto. È stato un anno di apprendimento, ricco di esperienze.

Da Melbourne a Milano, ho passato momenti belli, brutti e ho imparato molto" , ha detto Alcaraz in una nuova puntata di Players Voice( Eurosport). Ho giocato contro Rafael Nadal a Madrid, Alexander Zverev ad Acapulco, Daniil Medvedev a Wimbledon.

E' stato importante terminare il 2021 vincendo le Next Gen Finals. Quest'anno ho imparato a gestire le emozioni e regolarmi. L'ho capito nella partita contro Stefanos Tsitsipas a New York. È vero che la partita contro Gaston a Parigi è stata dura per me, con tutto il pubblico contro, ma la prossima volta che mi succederà una cosa del genere saprò già come gestirla.

Quando Novak Djokovic mi ha detto che quello che avevo fatto era incredibile, non ci credevo. Gli ho scritto per ringraziarlo personalmente. Al mio allenatore, Ferrero, non piacciono le persone che mi paragonano a Nadal. Vuole che mi concentri solo su di me, che sia Carlos Alcaraz, e che non cerchi di assomigliare a nessuno. Juan Carlos ha un ruolo molto importante nella mia carriera. Mi aiuta molto " .