Rafael Nadal alle prese con la sua prima auto elettrica



by   |  LETTURE 2715

Rafael Nadal alle prese con la sua prima auto elettrica

Rafael Nadal è fermo da agosto a causa di un infortunio cronico al piede riemerso durante il Roland Garros. Il fuoriclasse spagnolo, che inseguiva il suo 14° titolo nella capitale francese, si è dovuto arrendere a Novak Djokovic in semifinale.

In generale, non è stata una stagione indimenticabile per il 20 volte campione Slam. Il maiorchino ha infatti disputato la miseria di sette tornei ufficiali, riuscendo comunque a mettere in bacheca un paio di trofei.

L’ex numero 1 del mondo è stato costretto a saltare Wimbledon, le Olimpiadi di Tokyo e gli US Open, prima di annunciare la chiusura anticipata del suo 2021. Dopo essersi sottoposto ad un piccolo trattamento al piede, il 35enne di Manacor ha già ripreso ad allenarsi e spera di tornare in buona forma per gli Australian Open 2022.

Durante il lancio della nuova ‘KIA Crossover EV6’ – marchio di cui è testimonial – Nadal ha illustrato come la disciplina e la voglia di primeggiare lo abbiano accompagnato fin da bambino. Ricordiamo che Miguel Angel Nadal – uno degli zii di Rafa – è stato capitano della nazionale spagnola di calcio e ha preso parte a ben tre edizioni dei Mondiali FIFA.

Rafael Nadal tornerà in campo nel 2022

“Nella mia famiglia c’erano molti punti di riferimento a livello sportivo, da cui ho tratto una grandissima ispirazione” – ha ammesso il 13 volte campione di Parigi.

“Non faccio nulla senza dare il massimo, è un principio che ha dominato tutta la mia vita. Il mio obiettivo è cercare di migliorare ogni singolo giorno” – ha aggiunto Nadal ai microfoni di MARCA.

L’iberico ha parlato anche della sua lunga collaborazione con KIA: “Mi hanno fatto firmare il primo contratto quando non avevo ancora la patente di guida. Mi auguro che la nostra partnership duri per molti altri anni.

Mi hanno regalato un’auto elettrica, è la mia prima in assoluto. Ho avuto una sensazione strana, perché prendi velocità senza nemmeno rendertene conto”. A differenza del suo eterno rivale Roger Federer, Rafa conserverà il suo posto nella Top 10 nonostante i pochi tornei giocati.