Rafael Nadal: "Sono capitato nell'era ideale per giocare a tennis"



by   |  LETTURE 2049

Rafael Nadal: "Sono capitato nell'era ideale per giocare a tennis"

Nel corso degli ultimi due decenni, i Big 3 hanno dominato il circuito maschile lasciando le briciole agli avversari. Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno riscritto quasi tutti i record, oltre ad aver dato vita a parecchi incontri memorabili.

I tre mostri sacri sono attualmente a pari merito con 20 Slam ciascuno, quindi sarà ancora più interessante osservare cosa accadrà nella prossima stagione. Roger ha compiuto 40 anni lo scorso agosto e si è operato per la terza volta al ginocchio destro, senza che vi siano troppe garanzie in merito al suo rientro nel tour.

Anche Rafa ha dovuto fare i conti con una serie di problemi fisici, il più grave dei quali al piede, che lo ha obbligato a chiudere anzitempo la sua annata. Il maiorchino ha disputato appena sette tornei ufficiali nel 2021, fallendo l’appuntamento con il 14° titolo al Roland Garros.

Molto diversa la situazione di Djokovic, che ha sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ e si appresta a chiudere l’ennesima stagione in vetta al ranking ATP. In una recente intervista a ‘Number Web’, Nadal si è detto onorato di aver potuto competere con questi fantastici giocatori (includendo nel novero anche Andy Murray).

Il 2021 non è stato un grande anno per Rafa

“Se affronti così tante volte una leggenda come Roger Federer, è chiaro che sentirai il bisogno di crescere e migliorare” – ha spiegato il 13 volte campione di Parigi.

“Ho avuto la possibilità di incontrare alcuni fra i migliori giocatori di tutti i tempi. Mi vengono in mente Roger, Novak Djokovic e Andy Murray. Analizzando nel dettaglio la storia del tennis, è difficile trovare un’epoca in cui l’elenco dei vincitori Slam sia limitato a così pochi nomi.

Giocare nella stessa era di fenomeni assoluti del tennis - come quelli che ho citato - mi ha aiutato ad aumentare la fiducia in me stesso e mi ha spinto a lavorare ancora più duramente di quanto non facessi prima. Il grande giocatore non è colui che vince uno Slam una singola volta, bensì quello che insegue nuovi obiettivi ogni anno e fa di tutto per centrarli” – ha aggiunto Nadal.