Rafael Nadal rende omaggio alla leggenda del basket Pau Gasol



by   |  LETTURE 2440

Rafael Nadal rende omaggio alla leggenda del basket Pau Gasol

Rafael Nadal è una leggenda assoluta dello sport spagnolo, che ha saputo allungare la propria carriera ben oltre le aspettative iniziali. L’ex numero 1 del mondo si è mantenuto ad altissimi livelli anche dopo aver superato i 30 anni, sebbene gli infortuni siano tornati a fare capolino proprio quest’anno.

Il 35enne di Manacor ha dovuto fare i conti con un problema al piede, che lo ha fortemente limitato durante il Roland Garros. Rafa non ha potuto giocarsi fino in fondo le sue carte a Parigi, dovendo cedere in semifinale a Novak Djokovic.

Da lì è maturata la decisione di rinunciare a Wimbledon e alle Olimpiadi di Tokyo, nella speranza di tornare in discreta forma sul cemento americano. Un paio di match a Washington gli sono tuttavia bastati per capire che il problema non era risolto.

Nadal ha scelto dunque di chiudere anzitempo il suo 2021 e si è sottoposto ad un piccolo trattamento al piede nelle scorse settimane. Nel frattempo, un altro mito assoluto dello sport iberico come Pau Gasol ha annunciato il suo ritiro dal basket.

Durante i suoi 23 anni di carriera, Pau ha vinto ben due titoli NBA e tre medaglie olimpiche. In una recente intervista ai microfoni di ‘Cadena SER’, il 20 volte campione Slam ha reso omaggio al sei volte NBA All-Star.

Il bellissimo messaggio di Nadal a Pau Gasol

“Pau Gasol è una delle più grandi leggende dello sport spagnolo, quindi è triste che abbia deciso di ritirarsi” – ha esordito Nadal. “Al tempo stesso, sono felice che abbia potuto chiudere la sua carriera come desiderava.

Lascia un’eredità indelebile che si estende molto oltre il basket” – ha aggiunto. Nadal e Gasol sono amici di vecchia data: “Il nostro rapporto va ben oltre la stima professionale. Sarebbe fantastico unire i nostri percorsi un giorno e realizzare qualche progetto assieme.

Pau è un simbolo in tutto e per tutto, è riuscito a fare cose che sembravano impossibili nel nostro paese. Ha giocato nella NBA, ha vinto anelli, ha disputato l’All-Star Game, ha guidato la selezione spagnola alle Olimpiadi e ai Mondiali. Non posso che augurargli il meglio per il futuro”.