Zio Toni parla di Rafael Nadal: “Ho fiducia che tornerà come prima”



by   |  LETTURE 1902

Zio Toni parla di Rafael Nadal: “Ho fiducia che tornerà come prima”

La stagione 2021 di Rafael Nadal si è interrotta praticamente alla metà dell’anno, quando il campione maiorchino – vincitore per la decima volta agli Internazionali di Roma – è stato sconfitto dal numero uno del mondo Novak Djokovic nella semifinale del Roland Garros con il punteggio di -6 6-3 7-6 6-2.

Rafa è in realtà tornato a giocare nelle settimane successive a Washington, negli Stati Uniti, ma è uscito nella seconda partita per mano del sudafricano Lloyd Harris. La sconfitta subita a Parigi deve essere stata durissima da digerire per il venti volte campione Slam, che adesso tornerà a competere solamente nel 2022.

Toni parla di Rafa

Intervenuto durante il podcast ‘Tres Iguales’, Toni Nadal ha detto del nipote: “Quando era un bambino ho sempre voluto fare di lui un misto tra Vilas e Connors. Renderlo un giocatore molto intenso era essenziale, ma anche che avesse dei colpi vincenti.

Ho trascorso molti anni a lavorare con lui in modo tale che potesse tirare vincenti in qualsiasi contesto e la sua capacità di migliorarsi, soprattutto con il rovescio incrociato, è stata decisiva”. Zio Toni ha continuato: “La verità è che, quando Rafa è emerso, si riusciva a capire che Roger sarebbe stato uno dei migliori della storia.

Per quanto riguarda Novak, non appena lo abbiamo visto ci siamo resi conto che era speciale. Parlando di Rafa, è stato quando ha completato il Grand Slam, a 24 anni, che ho capito avrebbe lottato per essere il migliore della storia.

La sua progressione è stata sempre condizionata dall’infortunio congenito al piede, che ora sta soffrendo, perciò merita tutto quello che ha ottenuto. In ogni caso, lui è ancora fiducioso e credo che supererà tutto questo ancora una volta.

Sono ottimista e la mia sensazione è che il 2022 possa essere un’ottima stagione per lui e che gli rimangano ancora due o tre anni buoni, ma col tempo che va avanti diventa tutto più complicato”. Photo Credit: Free Press