Greg Rusedski: “Ecco come Harris ha battuto Rafael Nadal”



by   |  LETTURE 3542

Greg Rusedski: “Ecco come Harris ha battuto Rafael Nadal”

Dopo essere stato sconfitto per mano di Novak Djokovic nella semifinale del Roland Garros di Parigi, il trentacinquenne Rafael Nadal ha preferito rinunciare sia a Wimbledon che alle Olimpiadi per tornare a competere in occasione del tour americano su cemento.

Presente per la prima volta in carriera nell’ATP 500 di Washington, Rafa ha superato Jack Sock al terzo set prima di uscire contro il sudafricano Lloyd Harris con il punteggio di 6-4 1-6 6-4. Nadal, assente lo scorso a New York, ha vinto l’edizione 2019 degli Us Open grazie al trionfo ottenuto in finale contro il russo Daniil Medvedev al quinto parziale.

L’opinione di Rusedski

Classe 1997, il sudafricano Lloyd Harris è attualmente classificato al 50° gradino del ranking mondiale ATP, suo best ranking. Quest’anno ha raggiunto la sua seconda finale sul circuito maggiore a Dubai, dove è stato fermato da Aslan Karatsev per 6-3 6-2.

Nei tornei del Grand Slam non ha mai superato il terzo turno, disputato qualche mese fa agli Australian Open di Melbourne (battuto da Mackenzie McDonald). In un’intervista pubblicata da We Love Tennis, l’ex top 5 Greg Rusedski ha lodato la prestazione di Harris contro Nadal: “In effetti è stato impeccabile a livello tattico, Lloyd ha servito molto spesso al diritto sulla sua prima palla e al corpo sulla seconda.

Non appena è iniziato il punto, ha evitato gli scambi per mantenere i punti i più brevi possibili”. Secondo Rusedski, Harris è un giocatore piuttosto sottovalutato nel panorama del circuito: “Ha fatto una grande prestazione, non è la prima sul Tour ma resta comunque un tennista poco conosciuto anche se possiede gli ‘strumenti’ e il ‘fisico da campione’”.

L’unica altra finale ATP disputata dal sudafricano è stata quella di Adelaide lo scorso anno, persa contro Andrej Rublev in due comodi set. Harris è il primo giocatore sudafricano in classifica: lo segue in top 100 solo il veterano Kevin Anderson, al 75° posto. Photo Credit: SuperTennis