Rafael Nadal mette in dubbio la sua presenza per Wimbledon: le ultime



by   |  LETTURE 15760

Rafael Nadal mette in dubbio la sua presenza per Wimbledon: le ultime

Il sogno di conquistare il 21esimo Slam della sua carriera si è fermato in semifinale e Rafael Nadal non è riuscito a confermarsi a Parigi, sconfitto dal suo grande avversario e numero uno al mondo Novak Djokovic.

Dopo quattro ore di gioco e 11 minuti Novak ha prevalso con il risultato di 3-6;6-3;7-6;6-2. Dopo un inizio positivo dello spagnolo, il campione serbo ha reagito alla grande ed è riuscito così a ribaltare il match.

Djokovic era reduce da una serie di cinque sconfitte consecutive a Parigi contro Nadal, l'ultima nella finale dello scorso anno tra i due. Grazie a questo successo Nole sfiderà in finale quest'oggi Stefanos Tsitsipas ed in caso di vittoria raggiungerà il titolo dello Slam numero 19 ed avvicinerà così Roger Federer e appunto Rafael Nadal, entrambi fermi a quota 20 titoli.

Lo spagnolo teneva molto, come tutti i suoi tifosi, a questo Roland Garros perché in caso di suo quattordicesimo successo a Parigi, sarebbe diventato il primo tennista della storia a raggiungere quota 21 titoli del Grande Slam nel mondo del tennis maschile.

Le parole di Nadal a fine match

La sconfitta contro Djokovic in quello che lo stesso Nadal ha definito il torneo più importante dell'anno per lui è una brutta batosta e lo spagnolo è apparso molto deluso in conferenza stampa lasciando dubbi sul suo imminente futuro.

Rafa ha infatti dichiarato che non parteciperà al torneo sull'erba di Palma de Maiorca, torneo casalingo che inizia troppo presto per un suo rientro e soprattutto ha affermato parole che lasciano tanti dubbi in vista di Wimbledon, terzo Slam dell''anno che si disputerà tra pochi giorni.

Ecco le sue parole a riguardo: "Non giocherò al torneo di Maiorca quest'anno anche se mi sarebbe piaciuto. Il problema è che è impossibile perché avviene una settimana prima di Wimbledon e non riesco così a prepararmi.

Sul mio programma attuale non posso dire molto, ho giocato davvero tanto da Aprile e devo ancora decidere se parteciperò a Wimbledon. Non ho la lucidità mentale per pensarci ora, ho bisogno solo di calmarmi un po'"