Rafael Nadal commenta la vittoria su Schwartzman ed il match contro Novak Djokovic



by   |  LETTURE 4997

Rafael Nadal commenta la vittoria su Schwartzman ed il match contro Novak Djokovic

Prosegue il sogno del campione spagnolo Rafael Nadal di vincere il quattordicesimo titolo di una straordinaria carriera al Roland Garros e soprattutto la possibilità di diventare il primo tennista della storia a vincere 21 Slam.

Ai Quarti di finale il tennista iberico ha perso il primo set a Parigi dal lontano 2019, soffrendo per molto tempo con l'argentino Diego Schwartzman. In conferenza stampa Nadal ha trattato di tanti temi, dal futuro al match che lo ha visto lottare duramente contro il sudamericano.

Nadal commenta il post partita

In conferenza stampa Rafael Nadal ha commentato così il match contro Schwartzman: "Sono riuscito a vincere un match molto importante contro un gran avversario e questa gara mi dà fiducia, ho affrontato una situazione difficile come quando ero 4-3 nel terzo set.

Poi mi sono calmato ed ho pensato a tutto ciò che andava fatto, ci sono stati momenti difficili, soprattutto nel secondo set ma credo di aver disputato un'ottima gara. Aver perso un set? Beh, non vengo a Parigi pensando di vincere tutti i match in tre set, affronto i migliori tennisti al mondo e bisogna accettare cose come queste.

Nel terzo set il servizio mi ha aiutato molto e poi il diritto mi ha consentito di fare bene. Record al Roland Garros? I miei dati sono incredibili, ma ora non ci penso, ne parleremo a fine carriera, adesso penso solo a giocare e divertirmi.

Vincere per me su questo campo è ogni volta un onore, so che tanti considerano questi miei successi come una delle più grandi cose della storia dello sport ma al momento non ci penso" La sfida con Novak Djokovic? Rafa ha così commentato: "È una sfida molto importante per entrambi ma affrontandoci in semifinale è diverso rispetto ad una finale.

Chi vince non può rilassarsi e sa che ci sarà comunque tanto lavoro da fare. Quando giochi contro Novak devi sempre fare del tuo meglio, ma sapere di affrontarlo in semifinale cambia la tua preparazione mentale, puoi batterlo ed esserlo felice ma poi bisogna continuare.

Una finale è più speciale rispetto ad una semifinale, ma il sorteggio ha voluto questa nostra sfida ora, dobbiamo accettarlo e sarà sicuramente molto dura"