Alexei Popyrin spiega perché Rafael Nadal è il GOAT del tennis



by   |  LETTURE 4404

Alexei Popyrin spiega perché Rafael Nadal è il GOAT del tennis

I numeri di Rafael Nadal sulla terra battuta sono più che incredibili. Nel corso della sua carriera la leggenda del tennis spagnolo e mondiale ha conquistato ben 13 Roland Garros ed appare quasi come imbattibile quando si tratta di giocare a Parigi.

La lotta al GOAT continua da tempo e sia tra gli addetti ai lavori che tra i tifosi si accende la ressa per chiarire chi è il miglior tennista di sempre tra Roger Federer, Novak Djokovic ed appunto Rafael Nadal. 58 titoli del Grande Slam tra loro tre ed altri incredibili numeri nella loro carriera con Rafael Nadal che ha avuto un clamoroso dominio sulla terra battuta.

Nella giornata di martedì Rafael Nadal ha debuttato al Roland Garros, ancora una volta da grande favorito, e nonostante qualche piccolo problemino ha vinto in due ore e 23 minuti battendo l'australiano ed ex vincitore del Roland Garros juniores Alexei Popyrin, con il risultato di 6-3;6-2;7-6.

Le parole di Popyrin su Rafael Nadal

Popyrin ha servito per il set nel terzo parziale andando davvero vicino a conquistare il set con due set point ed un vantaggio di 5 a 2. Alla fine non è riuscito a mantenere il vantaggio e Rafa, come gli capita molto spesso, ha rimontato e vinto il set.

Al termine del match Popyrin ha avuto parole di grande elogio per il campione iberico, ecco le sue parole:

"Ho provato eccitazione per il match odierno ma allo stesso tempo per come è andata, è stata una delusione.

Sono deluso per aver sprecato questa chance, dovevo portare Rafa al quarto ma allo stesso tempo solo felice di aver disputato una buona gara. Questo incontro mi ha dato alla testa, sfidare Nadal al Roland Garros non è una cosa facile e credo che sia stata una cosa unica.

Rafa Nadal? Lui è il migliore di tutti i tempi, c'è poco da dire e quando vedi rimonte del genere capisci che è vero. Per raggiungere la vetta c'è bisogno di continuità, stare al passo con duro lavoro e credere di poter raggiungere la vetta"