Alcaraz e il sogno Rafael Nadal nel giorno del suo 18° compleanno



by   |  LETTURE 3246

Alcaraz e il sogno Rafael Nadal nel giorno del suo 18° compleanno

Il 5 maggio 2021 sarà uno di quei giorni che Carlos Alcaraz non dimenticherà facilmente. Il giovane talento spagnolo compirà infatti 18 anni e a dargli il benvenuto nel mondo dei “grandi” sarà il suo più grande idolo: Rafael Nadal.

Grazie alla netta vittoria ottenuta ai danni di Adrian Mannarino al primo turno del Masters 1000 di Madrid, Alcaraz affronterà proprio il re della terra battuta in una sfida che guarderà al futuro con gli occhi di chi non vuole proprio saperne di fare i conti con il tempo.

Quel tempo che continua a premiare i suoi sforzi, insieme a quelli di Novak Djokovic e Roger Federer, e che sta segnando quella che probabilmente è l’epoca più bella di sempre.

Alcaraz: "Affrontare Nadal è un sogno che si avvera"

“Ho sempre desiderato giocare a Madrid.

Sono qui da molti anni e ho visto grandi partite. Considerando che il mio sogno è quello di diventare il numero uno, ogni volta che ho avuto la possibilità di seguire il torneo, ho sempre desiderato prendere la racchetta e vedere se potevo giocare contro un vero tennista” , ha dichiarato Alcaraz in conferenza stampa.

“Per questo, avere l’opportunità di giocare contro Rafa è un sogno che si avvera. Inoltre, giocare di fronte al pubblico di casa mi rende davvero felice. Osservo spesso i movimenti di Rafa in campo, quello che fa durante le partite.

Vorrei sempre giocare contro di lui e imparare. Non so come descrivere quello che sto provando ora. Ribadisco, è un sogno che si avvera e cercherò di giocare il mio miglior tennis. Compiere 18 anni è speciale, ma è ancora più speciale poter dire di farlo affrontando il migliore, o uno dei migliori, nella storia del tennis.

Rafa è uno dei miei più grandi idoli. I regali che ricevi quando compi 18 anni non lo dimentichi, e questo ovviamente non lo dimenticherò mai. Paragoni con Nadal? Saranno tanti, so che parleranno molto di me e di Rafa.

La nuova generazione verrà sempre messa a confronto con le leggende, ma cercherò di fare del mio meglio, di continuare a migliorare e, soprattutto, di divertirmi. Qualcuno penserà che non avrò chance, ma non sanno cosa significhi per me giocare contro questo tipo di tennisti e le emozioni che provo in campo.

Sarò nervoso, ma proverò a gestire le emozioni e a fare del mio meglio. Cerco di migliorare torneo dopo torneo e ogni partita mi aiuta a crescere. Spero di poter finire la stagione in top 50” . Alcaraz si è infine soffermato sul ruolo e sull’importanza di Juan Carlos Ferrero, suo attuale allenatore.

“Non ho ancora parlato con lui della partita vinta contro Mannarino e della prossima sfida con Rafa. Mancano diversi giorni e avremo tempo per parlarne” .