Stefanos Tsitsipas torna sulla finale di Barcellona contro Rafael Nadal



by   |  LETTURE 2056

Stefanos Tsitsipas torna sulla finale di Barcellona contro Rafael Nadal

Stefanos Tsitsipas ha iniziato molto bene la stagione, non soltanto per la semifinale raggiunta agli Australian Open. A Melbourne, il greco si è tolto la soddisfazione di rimontare due set al 20 volte campione Slam Rafael Nadal.

Uno scatenato Daniil Medvedev gli ha impedito tuttavia di centrare la sua prima finale assoluta in un Major. Il 22enne di Atene si è rifatto nel Masters 1000 di Montecarlo, primo grande appuntamento sulla terra rossa, dove ha sbaragliato la concorrenza aggiudicandosi il titolo senza lasciare per strada nemmeno un set.

L’ottimo momento di forma del tennista di Atene è proseguito a Barcellona la settimana successiva, dato che Stefanos si è spinto nuovamente fino all’ultimo atto. La sua corsa si è infranta beffardamente contro Nadal, in grado di annullargli un match point nel decimo game della terza frazione.

Tsitsipas sarà uno dei protagonisti più attesi al Mutua Madrid Open, con la possibilità di avvicinarsi alla quarta posizione del ranking ATP occupata da Dominic Thiem. Nella tradizionale conferenza stampa pre-torneo, il talento ellenico si è mostrato fiducioso per il prosieguo del 2021.

Tsitsipas: "Mi piacerebbe arrivare fra i primi tre"

“Sento che ho la possibilità di avvicinarmi ulteriormente al quarto posto della classifica” – ha esordito Tsitsipas, che occupa la prima posizione nella Race.

“Non voglio mentire, è sicuramente un obiettivo presente nella mia mente. Non credo ci sia niente di sbagliato ad ammetterlo, sto lavorando con grande impegno per raggiungerlo. Devo continuare a ottenere buoni risultati e ad esprimermi al meglio sul campo da tennis.

In questo momento sono in testa alla Race, il che è molto importante per me. Mi piacerebbe concludere la stagione fra i primi tre” – ha aggiunto. Stefanos è tornato anche sulla finale di Barcellona contro Rafael Nadal: “Quella partita mi ha aiutato a capire che devo fare di più in alcuni momenti, invece di accontentarmi o aspettare che arrivino delle opportunità.

Sono stato troppo passivo in certi frangenti, avrei potuto rischiare di più. Con un pizzico di coraggio in più, l’esito del match sarebbe potuto essere diverso”.