John McEnroe spiega le differenze tra Nadal, Djokovic e Federer su terra battuta



by   |  LETTURE 6934

John McEnroe spiega le differenze tra Nadal, Djokovic e Federer su terra battuta

Nel 2021 Rafael Nadal aveva disputato solo gli Australian Open prima di iniziare la stagione sulla terra, ma il campione spagnolo, alla soglia ormai dei 35 anni (che compirà a Giugno), ha avuto bisogno solo di un torneo per recuperare la condizione ed al secondo tentativo è subito tornato al successo conquistando il torneo Atp 500 di Barcellona.

Il nuovo numero 2 della classifica mondiale (questa settimana ha risorpassato Daniil Medvedev) ha un record sulla terra battuta incredibile: lo spagnolo ha conquistato ben 61 titoli su terra, un record che difficilmente verrà battuto in futuro, basta pensare che i suoi due più grandi rivali, Novak Djokovic e Roger Federer, hanno vinto rispettivamente 15 ed 11 tornei nel circuito.

I dati di questa classifica sono incredibili, il secondo con più tornei su terra battuta è Guillermo Vilas a quota 49 davanti a Thomas Mister a quota 40 ed ad un'altra leggenda del tennis come Bjorn Borg a quota 30.

Nadal ha conquistato 87 tornei in carriera e quindi possiamo calcolare che Rafa ha conquistato circa il 70 % dei tornei su terra battuta.

John McEnroe su Rafael Nadal

In una recente intervista l'ex campione di tennis John McEnroe ha dato il suo parere sulle gesta di Rafael Nadal sulla terra battuta.

Ecco le sue parole: "Più Rafa trascorre tempo su terra battuta e più Rafael Nadal diventa devastante. Nel corso degli anni possiamo dire che anche Novak Djokovic e Roger Federer hanno conquistato vittorie su terra battuta ma loro due non ti batteranno mai nel modo in cui Rafa ti batte su questa suerficie, possiamo dire che lui ti punisce!"

E dire che la stagione su terra battuta di Nadal non era iniziata nel migliore dei modi con il maiorchino che ha perso ai Quarti di finale del Masters 1000 di Montecarlo cedendo dopo una grande battaglia contro il russo Andrey Rublev.

Anche nei primi turni di Barcellona Rafa aveva faticato cedendo un set sia al bielorusso Ivashka che a Kei Nishikori, ma nel corso del torneo ha avuto quella crescita necessaria per ottenere la vittoria finale.