Rafael Nadal prova a spiegare i motivi della sconfitta contro Rublev



by   |  LETTURE 5244

Rafael Nadal prova a spiegare i motivi della sconfitta contro Rublev

È stata la notizia più inattesa dei Quarti di Finale del Masters 1000 di Montecarlo, Rafael Nadal ha ceduto in tre set al russo Andrey Rublev e per la seconda volta in carriera, dopo il ko con David Ferrer nel 2014, è uscito ai Quarti di finale del torneo di Montecarlo.

Tanta delusione ma nessun scusa per un Rafa apparso davvero in una delle sue versioni peggiori. Lo spagnolo ha provato a spiegare quali sono state le cose che non hanno funzionato nel match contro il russo ed ha chiarito che c'è tanto da lavorare in vista dei prossimi tornei sulla terra battuta.

Le parole di Nadal in conferenza

Nadal era il favorito numero uno per la vittoria di questo torneo e sicuramente il suo ko ha sorpreso gli addetti ai lavori. In conferenza il maiorchino ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "È tutto abbastanza facile da spiegare, se giochi male contro un avversario di livello come Rublev è normale che finisca così.

Il problema principale è stato il mio servizio, nella sfida è risultato un vero disastro ed ha così influito su tutto il match. Non puoi aspettarti di battere un tennista come Rublev perdendo così tante volte il servizio, era davvero impossibile vincere.

Lui ha giocato in maniera aggressiva ed ha fatto bene, sono felice per lui che è davvero un bravissimo ragazzo. Uscire così presto a Montecarlo? È triste perdere qui, questo è un torneo dove ho sempre fatto bene nella mia carriera.

Ora non è il momento di lamentarsi ma devo andare a Barcellona e lavorare, ho sbagliato tanto anche di rovescio, devo migliorare. Quando giochi male ed affronti un grande tennista il risultato è chiaro. È stata una brutta giornata, mi stavo allenando bene qui e credo che il risultato sia una combinazione di vari avvenimenti, spero di essere al massimo per Barcellona.

Devo analizzare cosa è andato storto e lavorare. Il prossimo mese sarà molto importante e so quali sono i miei obiettivi. Questa gara è da dimenticare! Non so cosa è successo al mio servizio, ma lavorerò affinché non accada di nuovo, non trovo un significato chiaro a tutti ciò, inoltre la mia pallina non dava profondità, il mio rovescio non gli faceva affatto male"