Toni Nadal spiega i problemi dei giovani tennisti rispetto a quelli del passato



by   |  LETTURE 5221

Toni Nadal spiega i problemi dei giovani tennisti rispetto a quelli del passato

La scelta di Toni Nadal di diventare uno dei coach del tennista canadese Felix Auger Aliassime ha colto di sorpresa la maggior parte degli addetti ai lavori e degli appassionati di tennis. Nessuno si aspettava che lo zio ed ex storico coach di Rafael Nadal potesse rientrare nel circuito non allenando suo nipote.

Il debutto a Montecarlo dei due è stato tutt'altro che positivo con Auger Aliassime che ha subito una sconfitta al primo turno contro l'esperto terraiolo Christian Garin. Sia Toni che Felix sanno che ci sarà ancora tanto da lavorare per il giovanissimo talento nordamericano e nel corso di un'intervista nel programma Radiogaceta de Los Deportes del canale RNE Toni Nadal ha discusso di varie tematiche.

Le parole di Toni Nadal su questa nuova collaborazione

Intervistato dai colleghi iberici "Zio Toni" ha raccontato tutte le sue impressioni a riguardo: "Felix mi ha offerto una collaborazione part-time, in modo che io possa dargli dei consigli una tantum durante alcuni tornei.

In questo momento non sono motivato a lavorare a tempo pieno con qualcuno del circuito, tuttavia credo che questo formato di collaborazione sia molto utile e lo accetto perché Auger è un ragazzo molto disciplinato e con enorme potenziale.

Mi piace il tennis e la competizione, penso che sia una cosa positiva anche per me. Rafa? Non avrei mai accettato questo lavoro se Rafa non voleva, ho già chiarito a Felix ed al suo staff che, nel caso affronti Rafael Nadal, non mi siedero' in nessuno dei due box"

Toni Nadal sarà accanto a Felix Auger Aliassime nei tornei di Madrid, il Roland Garros e Wimbledon e riguardo ai giovani afferma: "La verità è che ora il percorso formativo per un ragazzo di 20 anni è molto più lungo di prima, in passato vedevi ventenni già maturi mentre ora a loro manca chiaramente maturità.

Aliassime ha grandi potenzialità, si vede nettamente ma deve ancora migliorare molti aspetti del suo gioco. Prossimamente decideremo come lavorare per perfezionare tutto il suo gioco"