La conferenza di Rafael Nadal in vista dell'esordio a Montecarlo



by   |  LETTURE 3526

La conferenza di Rafael Nadal in vista dell'esordio a Montecarlo

Ricordiamo molto bene l'ultimo match di Rafael Nadal sulla terra battuta, era la finale del Roland Garros e Rafa conquistando il suo tredicesimo successo a Parigi ha raggiunto in numero di Slam l'eterno rivale Roger Federer.

Fu una vittoria straordinaria, arrivata in una situazione molto complicata, con il tennista iberico che ha letteralmente asfaltato il suo grande rivale, Novak Djokovic, battuto in finale per tre set. Dopo mesi per Rafa è giunta l'ora di tornare sulla terra battuta e lo spagnolo riparte dal Masters 1000 di Montecarlo.

In conferenza stampa Rafael Nadal ha trattato di diversi temi ed ha destato tanta curiosità.

Le parole di Rafael Nadal in conferenza

Il vincitore di 20 titoli dello Slam ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Mi sento molto bene, non ho avuto alcun problema fisico negli ultimi allenamenti ed il mio corpo è in forma.

Non sono abituato ad arrivare a questo torneo con così poche gare all'attivo, ma sono entusiasta di questa sfida. Spero di giocare più match possibili per raccogliere il ritmo necessario per questa stagione sulla terra battuta.

I problemi fisici? Non ho paura, ma rispetto. Sono consapevole che posso giocare un buon livello di tennis, ho fatto le cose per bene per arrivare qui e credo che, tolti i problemi alla schiena, anche in Australia ho fatto un giusto allenamento.

Ho la coscienza a posto per ciò che ho fatto e vedremo se i risultati saranno buoni. Al momento non penso al Roland Garros ed ora sono concentrato solo su Montecarlo, spero solo che a Parigi si possa giocare in normalità ma tutto dipende da come evolverà la situazione con la pandemia.

Spero che con il vaccino si possa tornare il più presto possibile alla normalità. Il rinvio del torneo di una settimana non mi cambia molto, so solo che avremo una settimana in meno per giocare sull'erba. Ogni evento in cui si gioca senza pubblico è davvero triste, il pubblico è un aggiunta speciale per tutti noi e vorremmo tutti vederlo sugli spalti.

Bisogna però guardare al lato positivo, siamo a Montecarlo, in uno dei circoli di tennis più prestigiosi al mondo. Il record di settimane in vetta di Novak Djokovic? Onestamente quanti record abbiamo fatto in questo periodo, io, Roger e Novak abbiamo fatto cose importanti per la storia del tennis, ma ovviamente faccio i complimenti a Djokovic per il traguardo ottenuto"