Il fratello di Djokovic ricorda il suo bizzarro primo incontro con Nadal



by   |  LETTURE 4355

Il fratello di Djokovic ricorda il suo bizzarro primo incontro con Nadal

La generazione tennistica dei Djokovic è composta da tre fratelli: Novak, il maggiore; Marko, nato nel 1991; Djordje, il più giovane. Su Nole ben poco da aggiungere, Marko è stato invece 323° ATP, mentre Djordje – nato nel 1995 – non è mai entrato tra i primi 1400 giocatori al mondo.

In un’intervista rilasciata negli ultimi giorni e pubblicata anche da We Love Tennis, il più piccolo dei fratelli Djokovic ha ricordato il suo primo incontro con Rafael Nadal.

Djordje: “Fu memorabile”

Il serbo ha raccontato: “Ho ottimi ricordi di Rafa.

L’ho conosciuto a Monte Carlo nel 2006. È accaduto nella sala dei giocatori. Quando è entrato, io indossavo magliette senza maniche per imitarlo. C’era un flipper, lui mi invitò a giocare, mi sentivo incredibilmente felice.

Ricordo di averlo sconfitto. Era un po’ arrabbiato, finì per prendere a calci la macchina (ride, ndr). Da quell’incontro e da quella frenetica partita a flipper, ogni volta che ci vediamo facciamo due chiacchiere.

Rafa è una persona incredibile, il suo atteggiamento è sempre meraviglioso”. Il Masters 1000 di Monte Carlo, al via tra poche ore, è stato vinto 11 volte da Nadal: dal 2005 al 2012 e dal 2016 al 2018.

L’ultima edizione, quella di due anni fa, è stata conquistata dal nostro Fabio Fognini, che nell’ultimo match ha superato Dusan Lajovic con il punteggio di 6-3 6-4. Nel 2020 il torneo non si è disputato a causa della pandemia di Coronavirus, così come per molti altri appuntamenti del circuito ATP e WTA.

Quello di Fognini è l’unico nome italiano ad essere inciso nel prestigioso albo d’oro del torneo monegasco nell’Era Open: prima di lui solo il leggendario Nicola Pietrangeli (nel 1961, 1967 e 1968), Giovanni Palmieri (1935) e Giovanni Balbi di Robecco (1922) erano riusciti a conquistare l’evento.

Jannik Sinner, recente finalista a Miami, se la vedrà al primo turno contro lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas. Photo Credit: CNN International