Andy Roddick ricorda la sua impresa contro Rafael Nadal a Miami 2010



by   |  LETTURE 2984

Andy Roddick ricorda la sua impresa contro Rafael Nadal a Miami 2010

Battere Rafael Nadal su qualsiasi superficie è un’impresa che ti resta nel cuore per tutta la vita. I Big 3 hanno infatti dominato il tennis maschile come non era mai accaduto nella storia di questo sport, oltre ad aver precluso a numerosi talenti di vincere quanto avrebbero meritato.

Lo spagnolo condivide con l’eterno rivale Roger Federer il record all-time di 20 titoli Slam, mentre Novak Djokovic li incalza a due sole lunghezze di distanza. Aggiudicandosi il suo nono Australian Open a febbraio, Nole ha accorciato ulteriormente il gap che lo separa dagli eterni rivali.

All’inizio di marzo, il 33enne marzo ha inoltre battuto il record di settimane in vetta al ranking ATP detenuto proprio da Federer. Tra i giocatori che hanno risentito maggiormente della coesistenza con i tre mostri sacri, c’è sicuramente Andy Roddick.

Nel corso dello show ‘#AskAndy’ in onda su Tennis Channel, l’ex numero 1 ATP ha ricordato la sua vittoria su Nadal nella semifinale del Miami Open 2010. L’americano avrebbe poi completato l’opera mettendo in bacheca il suo secondo titolo in Florida.

Roddick: "Affrontare Pete Sampras è stato incredibile"

“Battere Rafael Nadal a Miami nel 2010 è stato davvero fantastico. Allo stesso tempo, forse il mio momento preferito in quel torneo è stato quando ho affrontato Pete Sampras all’età di 18 anni.

Lui era il numero 3 al mondo, io invece ero ancora lontanissimo dalle posizioni di vertice, ma sono riuscito a portare a casa la vittoria. Non soltanto ero sceso in campo contro uno dei miei idoli, ma lo avevo anche sconfitto su un palcoscenico importantissimo” – ha raccontato Roddick.

Lo statunitense ha affrontato Nadal per ben 10 volte durante la sua carriera, uscendo vittorioso soltanto in tre occasioni. Andy ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal tennis agli US Open 2012, dopo essere stato eliminato da Juan Martin del Potro al quarto turno.

La bacheca di ‘A-Rod’ è di tutto rispetto, potendo vantare 32 titoli impreziositi dal trionfo agli US Open nel 2003.