Carlos Alcaraz spazientito dal continuo paragone con Rafael Nadal



by   |  LETTURE 3472

Carlos Alcaraz spazientito dal continuo paragone con Rafael Nadal

La rapida ascesa di Carlos Alcaraz nelle ultime due stagioni ha alimentato i paragoni con il più illustre connazionale Rafael Nadal. A 17 anni, il giovane spagnolo si trova al numero 133 del ranking ATP sotto la guida di Juan Carlos Ferrero, oltre ad aver ottenuto quest’anno la vittoria più prestigiosa della sua carriera ai danni dell’ex Top 10 David Goffin in quel di Adelaide.

Sono in molti a domandarsi se potrà ripercorrere le gesta di Rafa, capace di aggiudicarsi titoli importantissimi sin da quando ha mosso i suoi primissimi passi nel circuito maggiore. L’inizio di 2021 non ha sorriso al 20 volte campione Slam, alle prese con un fastidioso problema alla schiena che gli ha consentito di disputare soltanto gli Australian Open.

Dopo aver rinunciato al primo Masters 1000 stagionale a Miami, il fenomeno maiorchino dovrebbe fare il suo ritorno in campo a Montecarlo nel primo grande appuntamento sulla terra rossa. La sua mente è già focalizzata sul Roland Garros, nella speranza di un miglioramento del quadro sanitario a Parigi.

Nel corso di una recente intervista a Marca, Alcaraz ha rivelato che intende concentrarsi esclusivamente sul suo sviluppo come giocatore.

Alcaraz: "Mi manca Novak Djokovic"

“Non prendo minimamente in considerazione tutte quelle persone che hanno aspettative eccessive su di me, o che mi definiscono il prossimo Rafael Nadal” – ha esordito il 17enne iberico.

“Cerco di non dare ascolto a questo tipo di commenti, mi concentro soltanto su me stesso, sul mio lavoro e sui consigli del mio team” – ha precisato. Alcaraz ha avuto l’opportunità di allenarsi con Rafa agli Australian Open di quest’anno.

“Tutti i giocatori sono ottimi compagni di allenamento, ma naturalmente è sempre speciale poterlo fare con il tuo idolo, che nel mio caso è proprio Nadal. Devo ammettere che è stata un’esperienza unica e indimenticabile, resterà per sempre nel mio cuore.

Mi manca poter palleggiare anche con Novak Djokovic, che ha sempre dimostrato una grande disponibilità nei miei confronti” – ha concluso.