Toni Nadal: "Ecco il principale motivo della vittoria di Tsitsipas su Nadal"



by   |  LETTURE 11864

Toni Nadal: "Ecco il principale motivo della vittoria di Tsitsipas su Nadal"

Per il secondo anno di fila il numero due al mondo Rafael Nadal è uscito ai Quarti di finale degli Australian Open, primo Slam di questo 2021. Lo scorso anno a battere lo spagnolo fu Dominic Thiem mentre questa volta è stato il turno di Stefanos Tsitsipas, testa di serie numero 6, che, ha rimontato da due sotto ed ha ottenuto una incredibile vittoria.

Questa vittoria ha sorpreso sia i fan che tutti gli addetti ai lavori in quanto Rafa in tutta la sua carriera solo altre due volte ha perso match dove si trovava in vantaggio di due set. La prima volta, parliamo di un Rafael Nadal giovanissimo, quando fu sconfitto nella finale del Masters 1000 di Miami da un già più affermato Roger Federer mentre l'altra volta è più recente e riguarda il nostro Fabio Fognini.

Erano gli Us Open del 2015 quando Rafa cedette dopo un'incredibile rimonta del tennista azzurro.

Le parole di Toni Nadal sulla sconfitta di Rafa

Toni Nadal, zio e per diverso tempo coach di Rafa, è stata una figura fondamentale per tutta la carriera del tennista spagnolo.

Nel corso di un'intervista il noto zio ha commentato la sconfitta di Rafa concentrandosi sui motivi che hanno portato il venti volte campione di titoli del Grande Slam a cedere: "Rispetto ai primi due set Rafa ha giocato con un'intensità minore e Tsitsipas ha recupero mettendo in mostra tutto il suo talento.

Il tiebreak poi ha portato tanto entusiasmo al greco che da quel tiebreak è riuscito a trovare la forza per i set successivi" L'Australian Open è l'unico torneo dello Slam che Rafa Nadal ha vinto una sola volta e sebbene i fan parlino quasi di maledizione attorno a questo torneo Rafa ha precisato nella conferenza post gara che si tratta solo di una casualità e che si trova sempre molto bene qui a Melbourne"

Ora per il maiorchino è tempo di concentrarsi ai prossimi impegni e soprattutto pensare al prossimo Slam, il suo amato Roland Garros.