Nadal: "Se sei davvero infortunato non puoi vincere il titolo", frecciata a Djokovic?



by   |  LETTURE 8405

Nadal: "Se sei davvero infortunato non puoi vincere il titolo", frecciata a Djokovic?

Rafael Nadal raggiunge i Quarti di finale degli Australian Open dopo una bella e convincente prestazione contro il tennista azzurro Fabio Fognini, letteralmente schiantato in tre set con il risultato di 6-3;6-4;6-2. Gara a senso unico con l'azzurro che non è riuscito a sfruttare un vantaggio di un break nel secondo set, ma che ha visto lo spagnolo dominare in lungo e in largo.

Al termine della gara Nadal ha parlato cosi davanti ai microfoni in conferenza stampa. Ecco le sue parole: "Penso che il primo set disputato oggi sia stato il migliore che ho avuto nel torneo. Credo sia normale tutto ciò e risponde al fatto che finalmente mi sono allenato come volevo, la mia schiena sta molto meglio ed ho potuto aumentare i carichi di lavoro, portando a termine una vittoria contro un avversario che storicamente mi ha sempre messo in difficoltà.

Ho fatto un passo in avanti molto importante oggi, sentivo che la mobilità era migliore, il rovescio funzionava e anche la mia seconda di servizio andava alle velocità che volevo, questo è fondamentale per me perché mi consente di giocare più aggressivo"

Le parole di Nadal in conferenza stampa

Il numero due al mondo è ora a 3 match dal 21esimo Slam nella storia, risultato che lo renderebbe unico. Tornando alle sue condizioni Rafa ha dichiarato: "Ho passato oltre 20 giorni con dolori alla schiena che non mi hanno permesso di allenarmi come volevo.

Avrei firmato per essere in queste condizioni cinque giorni fa. La partita di oggi mi sarà molto di aiuto così come spero e credo lo sarà il mio allenamento in programma domani. Sono riuscito a restare vivo nel torneo ed ora ho la possibilità di vincere il titolo, una possibilità reale se continuo a migliorare fisicamente"

In relazione agli infortuni di questo torneo Rafa ha rilasciato una frase che sa di piccola frecciata a Novak Djokovic: "Bisogna sempre mettere in conto gli infortuni, ma posso dire con certezza che se davvero sei infortunato non puoi vincere il titolo di campione.

Magari ci sono dolori che appesantiscono la tua prestazione, ma sai che puoi migliorare e sei comunque in grado di competere. Ricordo che in passato ho preso decisioni sbagliate, nel 2009 ho iniziato gli Us Open con un infortunio e la situazione è peggiorata"