Davenport: "Rafael Nadal dovrà fare qualcosa di diverso per battere Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 1886

Davenport: "Rafael Nadal dovrà fare qualcosa di diverso per battere Novak Djokovic"

Novak Djokovic e Rafael Nadal si presenteranno come gli uomini da battere agli Australian Open 2021, che inizieranno tra meno di un mese a Melbourne Park. Il numero 1 del mondo andrà a caccia del nono titolo in Australia, mentre lo spagnolo cercherà di bissare il suo unico trionfo datato 2009.

Vista l’assenza di Roger Federer, saranno Dominic Thiem e Daniil Medvedev a contendersi il ruolo di outsider, senza dimenticare Alexander Zverev e Stefanos Tsitsipas (semifinalista qui due anni fa). Parlando su Tennis Channel, l’ex stella WTA Lindsay Davenport ha illustrato come Nadal debba attuare una strategia diversa per battere Djokovic in queste condizioni.

I due si sono infatti incontrati nella finale dell’Australian Open 2019, quando Nole uscì vittorioso con un perentorio 6-3 6-2 6-3 in un match assolutamente senza storia. Nel complesso, il veterano di Belgrado conduce 20-7 nelle sfide contro Rafa andate in scena sul cemento.

Il maiorchino, dal canto suo, ha acquisito fiducia dopo aver annichilito il suo grande rivale al Roland Garros soltanto qualche mese fa.

Davenport: "Per Nadal è difficile trovare una soluzione"

“Sono davvero importanti le condizioni di gioco qui in Australia.

La superficie è cambiata molto negli ultimi 10 o 12 anni” – ha dichiarato la tre volte campionessa Slam. “Alcuni anni i campi erano molto rapidi, altre volte molto più lenti. Sembra proprio che – quando Rafael Nadal arriva alla fine del torneo e deve affrontare Novak Djokovic – il suo corpo si blocchi di colpo.

Novak è un giocatore migliore sul duro in queste condizioni ed è sempre stata dura per Rafa trovare una soluzione” – ha proseguito Davenport. Il connazionale Paul Annacone è dello stesso avviso: “Credo semplicemente che Rafa sia leggermente inferiore sul cemento rispetto a Djokovic e Federer.

Se dovesse trovare Djokovic in finale, non scommetterei su di lui. Se invece dovesse esserci qualcun altro, allora potrebbe farcela. Penso che il fattore più importante per Nadal sia superare la prima settimana con relativa tranquillità” – ha spiegato l’americano.