Ferrero: "Nadal è il migliore della storia a Parigi e nessuno si avvicina a lui"



by   |  LETTURE 1303

Ferrero: "Nadal è il migliore della storia a Parigi e nessuno si avvicina a lui"

Quando parliamo di Rafael Nadal parliamo molto probabilmente del tennista più forte, risultati alla mano, nella storia del tennis su terra battuta, un risultato che possiamo verificare sopratutto nel Roland Garros, torneo dove negli anni il maiorchino ha raggiunto risultati incredibili e dove è il tennista che ha vinto più titoli, ben 13 di cui l'ultimo solo qualche mese fa.

Nadal ha fatto il suo debutto al Roland Garros nel 2015 quando aveva solo 18 anni. Nonostante l'età, il tennista era reduce dalle vittorie a Montecarlo, Barcellona e Roma e partiva come principale favorito a Parigi.

Qui non mancò le attese e riuscì a battere prima Roger Federer e poi l'insidioso terraiolo Mariano Puerta e diventare cosi l'ultimo adolescente a trionfare in un torneo del Grande Slam. I numeri di Rafa a Parigi sono impressionanti: il tennista ha vinto 13 edizioni su 15 partecipazioni ed ha conquistato ben 100 vittorie su 102 gare.

Juan Carlos Ferrero su Rafael Nadal

Le parole hanno molto significato, sopratutto quando arrivano da un altro grande tennista della storia ed ex vincitore del Roland Garros. L'ex tennista Juan Carlos Ferrero ha parlato cosi riguardo il suo connazionale elogiando i suoi modi e le sue vittorie in quel di Parigi.

Ecco le sue parole: "Sono sicuro nel dire che Rafael Nadal è il più grande tennista nella storia del Roland Garros e dico anche che nessuno si avvicina neanche a lui" Nel corso dell'ultimo Roland Garros Rafael Nadal era reduce da un periodo tutt'altro che semplice: ha disputato un solo torneo nel post pausa Pandemia a Roma dove ha perso ai Quarti di finale contro l'argentino Diego Schwartzman, in uno dei più clamorosi risultati del 2020.

A Parigi Rafa però è tornato la macchina devastante che vediamo ogni anno su terra battuta ed ha letteralmente surclassato gli avversari non concedendogli neanche un set. Dopo aver battuto ai Quarti il giovane talento azzurro Jannik Sinner, Nadal si è preso la rivincita in semifinale su Schwartzman ed ha distrutto in tre set in finale il numero uno al mondo Novak Djokovic, annichilito dalla strapotenza del maiorchino che ancora una volta ha dimostrato di essere The King of Clay.