De Hous: "Sostenere che Rafael Nadal sia il GOAT è complicato"



by   |  LETTURE 1558

De Hous: "Sostenere che Rafael Nadal sia il GOAT è complicato"

Nonostante le gravissime conseguenze della pandemia in tutto il mondo, il 2020 ha permesso a Rafael Nadal di aggiudicarsi il 13° Roland Garros della sua carriera. Oltre ad aver demolito Novak Djokovic in finale, l’ennesimo trionfo a Parigi ha consentito all’ex numero 1 ATP di eguagliare il record all-time di 20 Slam del suo eterno rivale Roger Federer.

Djokovic, dal canto suo, ha ottime chance di superare il record di settimane in vetta al ranking mondiale grazie al nuovo sistema di ranking introdotto per mitigare gli effetti della lunga sospensione del circuito. L’insieme di questi fattori ha riacceso il dibattito relativo al più grande di sempre.

In un articolo per ‘Nieuwsblad’, l’ex allenatore di Kim Clijsters – Marc De Hous – si è soffermato sulla posizione di Nadal nella discussione relativa al GOAT. Il belga ha spiegato come il dominio impressionante dello spagnolo sulla terra rossa contribuisca a renderlo unidimensionale rispetto a Federer e Djokovic.

De Hous è noto soprattutto per la sua collaborazione con Clijsters, che ha condotto fino alla prima posizione del ranking WTA sia in singolare che in doppio.

De Hous: "Djokovic commette delle sciocchezze inspiegabili"

“Sostenere che Rafael Nadal sia il più grande giocatore di tutti i tempi è complicato” – ha scritto De Hous.

“Rispetto a Roger Federer e Novak Djokovic, Nadal è più specializzato su una singola superficie. Ciò non toglie che Nadal rimanga un super professionista che – anche in una giornata negativa – è in grado di giocare ogni punto come se fosse l’ultimo.

Nella nuova stagione che si appresta a cominciare, piena di incertezze sportive ed extra sportive, Nadal è la mia unica certezza sulla terra battuta di Parigi. Scommetterei 1000 euro sulla sua vittoria al Roland Garros.

Un successo nella capitale francese gli permetterebbe di diventare l’unico uomo ad aver vinto 21 titoli dello Slam” – ha aggiunto. De Hous ha lanciato poi una stoccata a Djokovic: “A volte commette delle sciocchezze inspiegabili, come le sue teorie sull’acqua purificatrice o l’organizzazione dell’Adria Tour che ha generato numerosi contagi”.