Rafael Nadal: "C'è una cosa che mi fa perdere qualsiasi autocontrollo"



by   |  LETTURE 16997

Rafael Nadal: "C'è una cosa che mi fa perdere qualsiasi autocontrollo"

Il numero 2 del mondo Rafael Nadal è noto per il suo grandissimo autocontrollo sul campo da tennis, dove raramente esterna la sua rabbia e la sua frustrazione anche nei momenti di maggiore tensione. Quest’anno il fenomeno spagnolo si è aggiudicato il Roland Garros per la 13ma volta in carriera, la quarta senza perdere nemmeno un set.

Grazie a questo successo, il 34enne di Manacor ha coronato il suo lunghissimo inseguimento al record di Roger Federer eguagliandolo a quota 20 titoli dello Slam. Rafa ha provato anche a vincere per la prima volta le ATP Finals, ma – nonostante il buonissimo rendimento offerto durante tutta la settimana alla O2 Arena – si è arreso in semifinale ad uno scatenato Daniil Medvedev.

Nadal è stato recentemente ospite del programma ‘El Hormiguero’, dove ha parlato di una vasta gamma di argomenti incalzato dal conduttore Pablo Motos. Durante la conversazione, il maiorchino ha confessato di amare alla follia la cioccolata.

Nadal: "Mia moglie mi nasconde la cioccolata"

“Ho un grande autocontrollo quando sono in campo, non mi arrabbio e non scaglio la racchetta per terra. Tuttavia, quando si tratta di cioccolata, non riesco quasi a controllarmi” – ha ammesso Nadal.

“Spesso mangiavo anche di notte, dopo essermi già lavato i denti. Mi piace soprattutto la cioccolata al latte, credo che abbia un sapore migliore. Mia moglie me la nasconde a volte, infatti non è raro che io stesso trovi la Nutella dentro un armadio.

Mi piace anche bere alcolici, soprattutto la tequila. Non sono invece un fan dei concerti, ma sono andato a diversi spettacoli di Julio Iglesias e Shakira” – ha proseguito il 13 volte campione del Roland Garros.

Nadal ha rivelato anche le sue abitudini per quanto riguarda il sonno: “All’inizio della mia carriera ero molto ansioso, mentre ora riesco ad avere più controllo. Anche se dormo di meno, magari tre o quattro ore, riesco comunque a giocare bene per via dell’adrenalina. Ciò che ti fa vincere è colpire bene la pallina, tutto il resto viene dopo” – ha concluso.