Cash: "Ecco quando ho capito che Rafael Nadal sarebbe diventato un mostro"



by   |  LETTURE 3714

Cash: "Ecco quando ho capito che Rafael Nadal sarebbe diventato un mostro"

Rafael Nadal ha ottenuto risultati straordinari fin da quando era giovanissimo, anche se in molti ritenevano che non sarebbe mai diventato un giocatore competitivo al di fuori della terra battuta. L’ex numero 1 del mondo, che quest’anno eguagliato il record di 20 Slam dell’eterno rivale Roger Federer, si è tolto la soddisfazione di vincere ben due Wimbledon, un Australian Open e quattro US Open.

Il 34enne di Manacor non è andato oltre le semifinali a Parigi-Bercy, ma sta esprimendo un ottimo tennis alle ATP Finals questa settimana. Grazie al successo in tre set su Stefanos Tsitsipas, il fenomeno iberico ha staccato il pass per le semifinali riscattando la delusione della passata edizione.

Potrebbe essere l’anno buono per assistere al primo trionfo di Nadal nel Torneo dei Maestri. Nel corso di una recente intervista, la leggenda australiana Pat Cash ha ricordato un inedito match con il re della terra quando Rafa aveva appena 14 anni.

Cash: "Nadal era già un fuoriclasse"

“Ovviamente non colpiva la pallina così forte allora, ma giocava con la stessa intensità e con un topspin esasperato. Ricordo di essere rimasto abbastanza scioccato” – ha raccontato Cash.

“Il pubblico era abbastanza divertito quando ha vinto il primo set contro di me. Sono stato gentile. In realtà lui non ne aveva bisogno, era davvero bravo. Si è aggiudicato il primo set e il pubblico ha pensato che fosse incredibile.

Ho iniziato a giocare con maggiore intensità, a utilizzare di più il serve and volley e ho vinto il secondo set abbastanza comodamente, 6-2 mi pare” – ha aggiunto. “Il 99% dei ragazzini sarebbe caduto a pezzi dopo quel secondo set.

Lui è rimasto con la testa nella partita e ha messo a segno alcuni vincenti pazzeschi. All’epoca avevo 38 anni e stavo ancora colpendo abbastanza bene. Alla fine ho perso quella partita. Non ricordo quale sia stato il punteggio, ma era molto equilibrato.

Quando sono rientrato negli spogliatoi, ho detto agli altri ragazzi che Nadal sarebbe diventato un mostro” – ha concluso l’Aussie.