Hantuchova: "Rafael Nadal non perderà il sonno a causa delle ATP Finals"



by   |  LETTURE 3558

Hantuchova: "Rafael Nadal non perderà il sonno a causa delle ATP Finals"

Rafael Nadal ha disputato nove volte le ATP Finals, ma non è mai riuscito ad aggiudicarsi il torneo più prestigioso del mondo al di fuori dei quattro Slam. Il fenomeno spagnolo ha raggiunto la finale nel 2010 e nel 2013, ma in entrambi i casi è stato obbligato a capitolare rispettivamente contro Roger Federer e Novak Djokovic.

L’ex numero 1 del mondo si è tolto la soddisfazione di vincere il suo 20° Slam quest’anno grazie all’ennesimo trionfo al Roland Garros, oltre ad evidenziare una maggiore freschezza a questo punto della stagione rispetto agli altri anni (anche per merito della lunga sosta dovuta alla pandemia).

Il 34enne maiorchino ha onorato l’ultima edizione del Masters alla O2 Arena di Londra battendo in due rapidi set Andey Rublev, ma nella seconda giornata del suo gruppo si è arreso ad uno scatenato Dominic Thiem in due tiebreak.

Rafa se la vedrà giovedì con Stefanos Tsitsipas per cercare di agguantare le semifinali. Parlando su Amazon Prime Video, l’ex numero 5 WTA Daniela Hantuchova ritiene che Nadal abbia una grande chance quest’anno.

Rusedski: "Strano che Nadal abbia portato due coach"

“Può essere davvero la sua occasione” – ha esordito la slovacca. “Questo è uno dei pochissimi titoli che ancora gli mancano e vuole che la gente smetta di ricordarglielo ogni volta.

Allo stesso tempo, credo che ormai abbia accettato che – se non dovesse farcela – si ritirerà comunque felice. Non perderà il sonno per questo titolo” – ha aggiunto. L’ex finalista degli US Open Greg Rusedski ha sottolineato la decisione di Nadal di portare a Londra entrambi i suoi coach, Francisco Roig e Carlos Moya.

Un evento piuttosto raro. “Di solito viaggia con lui un solo allenatore, oltre al preparatore atletico, il fisioterapista e la sua famiglia. Credo che voglia provare qualcosa di diverso in queste Finals. Non so se la motivazione sia tattica oppure non si sente abbastanza sicuro di ciò che deve fare indoor per vincere il titolo” – ha analizzato il britannico.