Rafael Nadal: "È da egoisti lamentarsi in un momento come questo"



by   |  LETTURE 3578

Rafael Nadal: "È da egoisti lamentarsi in un momento come questo"

Quest’anno Rafael Nadal spera finalmente di riuscire a spezzare il tabù ATP Finals, un torneo che non gli ha mai portato fortuna per via della superficie e della sua collocazione a fine stagione. Su un totale di 86 titoli vinti in carriera dal fenomeno spagnolo, soltanto uno è arrivato sul cemento indoor (Madrid 2005).

L’ex numero 1 del mondo, che quest’anno ha raggiunto quota 20 Slam grazie all’ennesimo successo al Roland Garros, vanta due finali alla O2 Arena di Londra (nel 2010 e nel 2013), ma in entrambi i casi è uscito sconfitto rispettivamente contro Roger Federer e Novak Djokovic.

Il 34enne spagnolo non è andato oltre la semifinale a Parigi-Bercy, dove si è arreso ad uno scatenato Alexander Zverev non riuscendo a prolungare la contesa al terzo set. Durante la conferenza stampa di venerdì scorso, Rafa ha ammesso come i suoi numeri indoor siano ben al di sotto degli standard a cui ci ha abituato nel corso della sua carriera.

Nadal: "Non possiamo davvero lamentarci"

“Possiamo trovare tutte le motivazioni e le scuse che volete, ma alla fine i numeri non mentono” – ha esordito Nadal. “Sicuramente si gioca indoor molto meno rispetto al cemento outdoor, ma non ci sono dubbi che queste condizioni non siano ideali per il mio tennis.

Gli ultimi anni sono stati senza dubbio migliori rispetto all’inizio della mia carriera, ma non si può fare a meno di constatare la realtà dei fatti. Spero di cambiare l’inerzia quest’anno” – ha aggiunto.

La pandemia ha costretto i giocatori a rivedere molte delle loro precedenti abitudini. “Siamo in un hotel vicinissimo alla O2 Arena e non possiamo nemmeno camminare fuori per 200 metri. Tuttavia, siamo fortunati a poter continuare a giocare, questa è l’unica cosa che mi sento di dire.

Non posso essere critico, devo ringraziare l’ATP, gli organizzatori dei tornei e tutti coloro che ci mettono in condizione di giocare. È dura competere in questo fantastico stadio senza pubblico, ma non possiamo davvero lamentarci” – ha commentato Rafa.