Granollers: "Rafael Nadal è il miglior giocatore di doppio spagnolo"



by   |  LETTURE 2377

Granollers: "Rafael Nadal è il miglior giocatore di doppio spagnolo"

Rafael Nadal ha vinto per la tredicesima volta il Roland Garros lo scorso 11 ottobre battendo in una finale a senso unico Novak Djokovic con il punteggio di 6-0, 6-2, 7-5. Il campione spagnolo, grazie a questo successo, ha raggiunto Roger Federer a quota 20 Slam ed ora sembra essere il favorito per terminare la carriera con più Major dei suoi due maggiori rivali.

Mettendo per un attimo da parte gli incredibili numeri che Nadal ha stabilito in singolare, è facile notare che anche in doppio il maiorchino ha saputo ritagliarsi il suo spazio. L’attuale numero due del mondo ha infatti vinto in carriera 11 titoli in questa categoria, tra cui il Masters 1000 di Monte Carlo nel 2008, il Masters 1000 di Indian Wells nel 2010 e nel 2012, e soprattutto i Giochi Olimpici di Rio nel 2016 in coppia con l’esperto Marc Lopez.

Granollers elogia Rafael Nadal

Marcel Granollers, che tutt’oggi è uno dei migliori doppisti del circuito, ha parlato proprio di questa speciale attitudine di Nadal in un’intervista al quotidiano "Marca" .

“Nadal è il migliore doppista spagnolo? Quando gioca il doppio, è sicuramente il migliore” , ha detto lo spagnolo. “Risponde molte bene. Il suo dritto è molto difficile da gestire al volo perché ha tanto effetto ed e impossibile colpire in maniera pulita.

In rete è molto veloce perché ha degli ottimi riflessi. Nei punti importanti riesce ad essere tranquillo e non ha paura di sbagliare; mentre con il servizio ti permette di chiudere i punti a rete in maniera rapida” .

Granollers parteciperà per la quinta volta in carriera alle ATP Finals di doppio. “Concertarmi solo sul doppio è stata una decisione difficile da prendere. Ma essere ancora una volta alle Finals, con un compagno diverso, significa aver preso la scelta giusta.

La stagione con Horacio( Zeballos, ndr) . è stata davvero positiva. Entrambi abbiamo giocato in singolare, questo ti aiuta ad avere una tattica precisa e ad adattarti a tutte le superfici. Lui è mancino, io destro; anche questo aiuta.

Entrambi abbiamo sempre cercato di migliorare in doppio. Senza dubbio metto il successo ottenuto in questo torneo nel 2012 al vertice delle mie vittorie da professionista. Favoriti? Da quando i fratelli Bryan si sono ritirati, tutto è molto più equilibrato.

Non esiste una coppia forte come loro: non hanno mai fallito i grandi appuntamenti. Quest’anno tutte le coppie possono vincere, le partite si decideranno su pochi punti. L’ultimo trofeo che manca al mio palmarès è quello del Grande Slam. Lavorerò duramente per avere le mie opportunità” .