Rafael Nadal: "Capirò quando smettere di giocare a tennis"



by   |  LETTURE 2977

Rafael Nadal: "Capirò quando smettere di giocare a tennis"

Il Roland Garros 2020 si è disputato in condizioni assolutamente inedite per i giocatori. L’emergenza Coronavirus ha infatti costretto gli organizzatori a spostare il torneo in autunno, con condizioni atmosferiche ben diverse rispetto a maggio-giugno.

Inoltre, è terminata la storica collaborazione con le palline Babolat, che sono state sostituite dalle Wilson quest’anno. Non tutti hanno gradito questo cambiamento, e anche lo stesso Rafael Nadal aveva espresso feroci critiche prima dell’inizio del torneo.

Contrariamente al parere degli scettici, lo spagnolo non si è lasciato distrarre dalle avversità conquistando il suo 13° titolo nella capitale francese ed eguagliando il record di Slam di Roger Federer. L’ex numero 1 del mondo non ha ceduto neppure un set lungo il cammino, dominando in lungo e in largo la finale contro Novak Djokovic.

Intervistato da El Periodico nei giorni scorsi, il maiorchino ha sciolto la tensione rivelando di non avere problemi con gli organizzatori dello Slam parigino.

Nadal: "Ho un rapporto eccellente con il Roland Garros"

“Ho sentito moltissime illazioni al riguardo, è davvero assurdo.

Il Roland Garros ha cambiato sponsor ed è normale che il nuovo sponsor si sia servito delle proprie palline. Il mio rapporto con il Roland Garros è eccellente, non ho mai ricevuto lamentele né dal pubblico né dagli organizzatori.

La mia sensazione è che ogni anni siano felicissimi che io vinca il trofeo” – ha dichiarato il 20 volte campione Slam. Nadal ha parlato anche del ritiro: “Non ho una data precisa. Potrebbe essere tra un anno, chi lo sa.

La considero un’eventualità improbabile, ma bisogna essere sempre preparati, dato che le cose mutano davvero rapidamente. Quello che posso dire è che non ho paura di quel giorno. Quando sarà il momento lo percepirò.

Forse non avrò più quella passione che mi spinge ad allenarmi ogni singolo giorno. Quando ciò accadrà, sarà il momento di dire basta e cominciare a fare cose che sono altrettanto o anche più importanti del tennis” – ha concluso Rafa.