Corretja: "Il record di Rafael Nadal al Roland Garros è uno scherzo"



by   |  LETTURE 8580

Corretja: "Il record di Rafael Nadal al Roland Garros è uno scherzo"

Quando Rafael Nadal ha battuto il record di Bjorn Borg per il maggior numero di successi al Roland Garros, quasi nessuno avrebbe immaginato che nel 2020 lo spagnolo sarebbe arrivato a quota 13 trionfi a Parigi. Il fenomeno di Manacor ha vinto quest’edizione dello Slam parigino senza cedere nemmeno un set, peraltro in condizioni atmosferiche non del tutto congeniali alle sue caratteristiche.

Grazie all’ennesimo successo a Port d’Auteuil, l’ex numero 1 del mondo ha eguagliato il record di 20 Slam di Roger Federer e sarà il grande favorito anche il prossimo anno. Numerosi giocatori, sia attuali che del passato, hanno reso omaggio alla straordinaria impresa di Rafa, incluso il suo connazionale Alex Corretja.

È interessante notare come altri campioni spagnoli, tipo David Ferrer, Tommy Robredo, Juan Carlos Ferrero e lo stesso Corretja, pur avendo vinto più di 30 partite ciascuno al Roland Garros, non abbiano mai conquistato il trofeo.

Corretja: "Rafael Nadal significa tantissimo per noi"

“Quando Rafael Nadal vince, è come se trionfassimo tutti. È molto difficile per me riassumere in poche parole cosa significhi Rafa per tutti noi.

A me sembra quasi uno scherzo. Se non fosse per il fatto che ho visto tutti i suoi successi con i miei occhi, penserei che fosse una cosa impossibile” – ha confessato l’ex numero 2 del mondo. Nel corso di una recente intervista a Novosti, anche Marian Vajda, storico coach di Novak Djokovic, si è congratulato con Nadal.

“La verità è che Novak non ha disputato uno dei suoi match migliori e a Nadal è riuscito tutto il possibile. Ci si deve congratulare con lui per il successo, ma Novak è ancora il numero 1 al mondo.

Il nostro team è molto soddisfatto delle sue prestazioni quest’anno. Siamo felici di lavorare con lui, poiché vedo ancora in lui le motivazioni per diventare un giocatore migliore”. Djokovic disputerà il torneo di Vienna come preparazione alle ATP Finals, mentre Nadal potrebbe aver già chiuso il suo 2020.