Djokovic ripartirà da Vienna. Il direttore del torneo prova a convincere anche Nadal



by   |  LETTURE 2858

Djokovic ripartirà da Vienna. Il direttore del torneo prova a convincere anche Nadal

Diventare il numero uno più longevo della storia del tennis è uno dei grandi obiettivi di Novak Djokovic. Il campione serbo non ha mai nascosto le sue ambizioni ed in diverse interviste ha ribadito che lotterà fino alla fine per raggiungere questo incredibile traguardo.

Proprio in quest’ottica, si inserisce la sua scelta di partecipare al torneo ATP 500 di Vienna, che si disputerà a partire dal 26 ottobre. Djokovic sa benissimo che per allungare in classfica su Rafael Nadal, l'unico rivale che sembra poterlo impensierire sotto questo punto di vista, dovrà ottenere il massimo sia dal torneo di Vienna che dalle ATP Finals di fine anno.

Nell'altro grande torneo rimasto, il Masters 1000 di Parigi-Bercy, il belgradese non avrà la possibilità di guadagnare punti in virtù del nuovo sistema di punteggio deciso dall'ATP per gestire questo complicato momento.

L’Erste Bank Open potrà così contare su un main draw stellare. Oltre a Djokovic saranno infatti presenti altri 6 top . Si tratta di Dominic Thiem, Stefanos Tsitsipas, Daniil Medvedev, Diego Schwartzman, Matteo Berrettini e Andrey Rublev.

Djokovic riparte da Vienna, Nadal ci pensa

Le sorprese potrebbero però essere non finite. Herwig Straka, direttore dell’evento austriaco, farà di tutto per convincere Rafael Nadal ad unirsi alla festa.

“Stiamo facendo il possibile per convincere Nadal a partecipare all’Erste Bank Open. Deve ancora decidere il suo calendario per questo finale di stagione e se vuole guadagnare punti per il primo posto del ranking ATP” .

Da parte sua, Nadal ha così parlato di questo ricco finale di stagione dopo l’emozionante vittoria ottenuta a Parigi la scorsa domenica. “Ad oggi non conosco ancora il mio calendario, dove andrò o cosa farò” , ha spiegato il maiorchino.

“Prenderò una decisione con la mia famiglia e con la mia squadra nei prossimi giorni. La situazione legata al Coronavirus è preoccupante. Questo è il momento di fare delle scelte corrette” .