Ferrer su Nadal: "Dal punto di vista mentale è il migliore giocatore della storia"



by   |  LETTURE 2161

Ferrer su Nadal: "Dal punto di vista mentale è il migliore giocatore della storia"

Rafael Nadal ha vinto per la tredicesima volta il Roland Garros e lo ha fatto battendo nettamente Novak Djokovic in finale. Il serbo non è riuscito a trovare il modo di impensierire il suo avversario ed in conferenza stampa ha con orgoglio ammesso: “Non ho molto da dire se non che sono stato completamente sopraffatto da Rafa, di gran lunga il miglior giocatore in campo oggi.

Non ha sbagliato niente, ha ributtato di là ogni palla e giocato alla grande tatticamente. Mi sono sentito bene per tutto il torneo, pensavo di essere in ottima forma. Certamente avrei potuto giocare meglio, soprattutto nei primi due set, ma mi ha sorpreso il modo in cui stava giocando, la qualità del tennis che stava producendo, il livello.

Voglio dire, è fenomenale. Ha giocato una partita perfetta, soprattutto nei primi due set” . Con questo successo il campione spagnolo ha raggiunto Roger Federer a quota 20 Slam ed ora sembra essere il principale favorito per diventare il giocatore con più Major vinti in carriera.

Le bellissime parole che Ferrer ha dedicato a Rafael Nadal

Nel corso degli anni, Nadal ha dimostrato di possedere una forza mentale fuori dal normale. I numerosi problemi alle ginocchia non gli hanno infatti impedito di fare la storia del tennis e di competere al meglio delle sue capacità.

In collegamento con Cadena Ser, David Ferrer, che conosce molto bene Nadal, ha voluto elogiare il suo amico dedicandogli delle bellissime parole. “Per il tennis, Rafa è già superiore alla maggior parte dei giocatori” , ha dichiarato con sincerità Ferrer.

“A tutto questo bisogna però aggiungete che dal punto di vista mentale è il miglior giocatore che sia mai esistito nella storia di questo sport. Non c’è nessuno come lui, nessuno che gestisca così bene i momenti di pressione anno dopo anno.

Tutti lo pensano” . Proprio sulla corsa al primato Slam, Nadal ha voluto esporre il proprio pensiero dopo la vittoria a Parigi. “Non ho mai nascosto che vorrei chiudere la carriera con più titoli di tutti nei Major.

Ma ho sempre fatto la mia strada in carriera. Non puoi stare sempre a pensare: Novak vince qui, Roger vince lì. Non puoi sempre essere infelice se il tuo vicino ha la casa più grande o un cellulare migliore. Devi vivere la tua vita.

Io ho fatto così da sempre, ho cercato di seguire la mia strada, di fare il massimo ogni giorno. Ovviamente i record mi interessano, la storia dello sport mi appassiona e condividere il record di Slam Roger ha grande valore.

Ma intanto continuiamo a giocare e vediamo che succederà in futuro, alla fine delle nostre carriere" .