Nadal: “Oggi sono sicuramente tra i due giocatori più forti della storia”



by   |  LETTURE 5481

Nadal: “Oggi sono sicuramente tra i due giocatori più forti della storia”

Domenica scorsa, il numero due del mondo Rafael Nadal ha sconfitto il serbo Novak Djokovic in tre set nella finale del Roland Garros, andando a sollevare il suo ventesimo trofeo dello Slam. Oggi, Rafa ha concesso una nuova intervista al sito web dell'ATP, in cui ha discusso della sua ultima impresa.

Rafael Nadal e la tredicesima meraviglia a Parigi

Innanzitutto, il maiorchino ha fatto riferimento alle differenti condizioni di gioco di quest’anno: “Ho giocato un ottimo Roland Garros date le circostanze, ho fatto passi avanti ogni giorno.

In finale ho giocato la partita perfetta. Semplicemente, ogni volta ho giocato abbastanza bene da conquistare il match. Ogni anno vengo a Parigi e credo di non vincere. Vengo con l’illusione di farlo, sapendo però che la cosa normale sarebbe non riuscirci.

La cosa logica è perdere, questo lo tengo sempre a mente. Come ho detto il primo giorno, questo è stato il Roland Garros più difficile a cui abbia mai partecipato, innanzitutto per le condizioni e poi perché la mia preparazione è stata praticamente nulla in termini di tornei”.

Data la mancanza di partite, Nadal ha confessato di aver fatto riferimento alla sua sfida contro Djokovic del 2019 a Roma, vinta in tre set. Lo spagnolo ha anche parlato del campo centrale di Parigi: “Il Philippe Chatrier è un campo molto difficile, molto grande.

Ha dimensioni enormi. Ma c’è una cosa intangibile: quando hai giocato davvero bene per tante volte nello stesso posto, è più facile farlo di nuovo. C’è più fiducia in te stesso e questo ha un’influenza positiva”.

Come sempre, il campione di Maiorca ha sottolineato l’importanza del suo team: “Ho avuto le persone giuste accanto a me. Mi hanno spinto quando necessario e mi hanno concesso la libertà di godermi altre cose quando ne avevo bisogno.

Abbiamo dovuto prendere decisioni difficili, come saltare gli Us Open. Tutto è giusto o sbagliato a seconda del risultato finale. Adesso questo appare come un successo perché ho vinto il Roland Garros, se avessi perso forse non sarebbe stato così bello.

E’ la realtà dello sport, un mondo basato sui risultati”. Nadal ha parlato della corsa al primato Slam, finalmente raggiunto alla pari con Federer: “A livello sportivo è chiaro che ho ottenuto qualcosa di importante: vincere di nuovo uno dei tornei più importanti del mondo, il 13° Slam e pareggiare i conti con Federer.

Ne parlavamo da molto tempo, soprattutto voi giornalisti. Sono riuscito ad eguagliare un record che sembrava impossibile. I numeri dovrebbero essere analizzati da persone che conoscono bene la storia del tennis. Onestamente, a me non interessa più di tanto.

Io sono felice della mia carriera. Ad oggi è chiaro che sono tra i due più forti di sempre. Vedremo cosa succederà nei prossimi anni: cosa farà Djokovic, cosa farà Federer e cosa farò io”. Photo Credit: NBC News