Becker: "Il forfait di Rafael Nadal agli US Open è l'unico giustificabile"



by   |  LETTURE 9409

Becker: "Il forfait di Rafael Nadal agli US Open è l'unico giustificabile"

Gli US Open 2020 hanno dovuto fare i conti con numerosi ritiri pesanti, anche per via della delicata situazione sanitaria che ha messo in ginocchio il mondo intero negli ultimi sei mesi. Le assenze di Roger Federer e del campione uscente Rafael Nadal sono quelle più lampanti, visto che era dal 1999 che non si assisteva ad uno Slam senza lo svizzero e lo spagnolo contemporaneamente.

Mentre Roger resterà fermo fino all’inizio del 2021, Rafa ha deciso di concentrare tutte le sue energie sul Roland Garros con l’intento di eguagliare il record all-time di Slam. Nick Kyrgios e Stan Wawrinka si sono aggiunti alla lista dei forfait, anche se per motivi differenti.

Dal lato femminile, Ashleigh Barty e Simona Halep hanno rinunciato alla trasferta negli Stati Uniti alimentando le speranze di Serena Williams. Secondo l’ex numero 1 del mondo Boris Becker, l’assenza di Nadal è l’unica a poter essere validamente giustificata.

Becker: "Kyrgios ha saltato gli US Open perché non ama il tennis"

“Di assenze ce ne sono parecchie, ma escluderei Rafael Nadal dal novero delle critiche” – ha esordito il tedesco al Daily Mail.

“Ha fatto così tanto per il tennis ed è ovvio che voglia farsi trovare al meglio per il Roland Garros, che è stato rinviato alla fine di settembre. Il suo scopo è darsi le migliori possibilità per vincere il 20° Slam in carriera.

Dobbiamo anche considerare che ha 34 anni, i problemi alle ginocchia che lo hanno sempre afflitto sul cemento, il repentino cambio di superficie. Ecco allora che il suo forfait ha un senso. È un peccato che non ci siano nemmeno giocatori come Nick Kyrgios, ma in un certo senso me lo aspettavo, dato che il suo amore per il gioco è in forte dubbio.

Per coloro che hanno deciso di partecipare è una grande opportunità, in palio c’è un Major sicuramente diverso ma storico. Mi complimento con loro per aver intrapreso il viaggio e non ho alcuna intenzione di sottostimare chi farà bene agli US Open” – ha concluso.