Corretja: "Per Rafael Nadal sarebbe stato un grosso rischio andare a New York"



by   |  LETTURE 4109

Corretja: "Per Rafael Nadal sarebbe stato un grosso rischio andare a New York"

Fino a un paio di mesi fa, in pochissimi avrebbero scommesso che gli US Open 2020 sarebbero andati in scena. Accanto al miglioramento della situazione globale, va segnalato l’enorme sforzo profuso dalla USTA per organizzare lo Slam newyorkese in piena sicurezza.

In tal senso, è stata decisamente azzeccata la scelta di spostare il Masters 1000 di Cincinnati a Flushing Meadows, così da evitare un ulteriore spostamento ai giocatori. Inutile negare che le assenze di Roger Federer e Rafael Nadal saranno pesanti, ma Novak Djokovic e Serena Williams saranno i principali motivi di interesse del torneo.

Il fenomeno serbo va a caccia del suo 18° Slam in carriera, mentre Serena continua a inseguire il record di Margaret Court. Intervistato in esclusiva da Marca, Alex Corretja ha analizzato la ripresa del circuito dopo la lunghissima sosta causata dalla pandemia.

Corretja: "Nadal sa di avere molte più chance al Roland Garros"

“Mi è mancato tantissimo il tennis in questo periodo, è la nostra passione e la nostra vita. Lo porti nel sangue. Non commento una partita da gennaio in Australia.

Penso che questa sospensione abbia inciso allo stesso modo su tutti i giocatori, anzi credo che i tabelloni saranno più aperti d’ora in poi. I grandi di questo sport hanno vissuto momenti difficili e sono tornati alla grande.

I risultati che vedremo nelle prossime settimane possono essere sorprendenti” – ha dichiarato lo spagnolo. Rafael Nadal è stato l’unico forfait tra i Top 10. “Onestamente lo capisco. Non ho parlato con lui, ma doveva scegliere tra gli US Open e il Roland Garros in base a quale Slam aveva più chance di vincere.

La sua intenzione è quella di essere in forma a Parigi. Dopo sei mesi senza giocare, non è facile disputare cinque set sul cemento. La decisione di Nadal è corretta per me. Se ci fosse stato più spazio tra i due tornei, avrebbe partecipato ad entrambi.

Inoltre, il nuovo sistema di ranking lo aiuta. È vero che perde la possibilità di aggiudicarsi un altro Slam, ma nessuno ti assicura che lo avrebbe vinto. Poi c’è sempre il rischio di un infortunio” – ha precisato Corretja.