Rafael Nadal: "Non mi interessa questo circo di ipocrisia e strumentalizzazione"



by   |  LETTURE 15978

Rafael Nadal: "Non mi interessa questo circo di ipocrisia e strumentalizzazione"

Rafael Nadal ha avuto tanto tempo a disposizione da trascorrere insieme alla sua famiglia e agli amici durante la lunga sospensione indotta dalla pandemia globale. Tuttavia, il periodo di quarantena non è sempre stato rose e fiori per il 19 volte campione Slam.

Alcuni ricorderanno le feroci critiche rivolte dall’ex numero 1 del mondo al governo iberico per la gestione dell’emergenza, se si considera che la Spagna è stato uno dei paesi più colpiti dal COVID-19.

Il maiorchino ha deciso di non recarsi negli Stati Uniti per difendere il titolo agli US Open, preferendo concentrarsi sul Roland Garros. In una lunga intervista alla rivista GQ, Nadal ha difeso le sue parole pronunciate a giugno.

Rafa ha spiegato di non volersi scagliare contro il governo, ma di aver espresso semplicemente la sua insoddisfazione per le misure adottate fino a quel momento.

Nadal: "Tutto viene interpretato in chiave politica"

“Non mi interessa partecipare a questo circo fatto di ipocrisia e strumentalizzazione” – ha esordito Nadal.

“Vengo da un’altra epoca, non sono nato con i social network e non sono cresciuto con loro, vivo fuori da tutto questo. Ho detto ciò che pensavo in quel momento. Sono un cittadino spagnolo come tutti gli altri e ho il diritto di esprimere la mia opinione.

Se le mie dichiarazioni vengono strumentalizzate per fini politici, non dipende da me. Siamo in un periodo storico in cui tutto ciò che si dice è interpretato in chiave politica, non si può più esprimere liberamente ciò che si crede.

Non ho mai parlato male di un governo, ho espresso con il massimo rispetto la mia opinione in quel momento. Quando parlo, lo faccio semplicemente da cittadino e con l’umiltà che mi ha sempre contraddistinto. Non sono un medico, sono un atleta che segue le notizie e che si fa delle domande.

Mi sento in diritto di esprimere la mia opinione, altrimenti sarei uno stupido” – ha concluso il fenomeno di Manacor (nella speranza di porre fine alle polemiche).