Rafael Nadal: "Non sono una di quelle persone che hanno paura della fine"



by   |  LETTURE 3510

Rafael Nadal: "Non sono una di quelle persone che hanno paura della fine"

In pochi si sarebbero immaginati che Rafael Nadal avrebbe avuto una carriera così lunga ad altissimi livelli. Il fenomeno spagnolo ha dovuto fare i conti con numerosi infortuni durante la sua carriera, ma non ha mai mollato, anzi è riuscito a portarsi ad una sola lunghezza di distanza dall’eterno rivale Roger Federer nella classifica all-time degli Slam.

L’ex numero 1 del mondo ha scelto di non difendere il titolo conquistato agli US Open, preferendo concentrare tutte le sue energie sul Roland Garros in programma a fine settembre. Il 19 volte campione Slam ha spesso affermato che i risultati nel tennis non influenzano la sua vita fuori dal campo, oltre ad aver imparato a trattare la vittoria e la sconfitta nello stesso modo.

Il maiorchino si sente già molto fortunato ad aver avuto la chance di perseguire il suo sogno, ed è grato per tutto ciò che lo sport gli ha donato.

Nadal: "Cercherò altre motivazioni nella vita"

“Tutto ha un inizio e una fine, io non sono una di quelle persone che hanno paura della fine” – ha dichiarato Nadal in una lunga intervista al magazine GQ.

“Nutro grande rispetto, ma paura assolutamente no. Quando arriverà la fine della mia carriera, lo accetterò e continuerò a cercare motivazioni nella vita. In tutti questi mesi ho pensato poco al tennis.

Penso che ci siano state cose molto più importanti e spiacevoli, di fronte alle quali lo sport passa in secondo piano” – ha aggiunto il dodici volte campione del Roland Garros. Rafa non ha ancora sciolto le riserve in merito alla sua partecipazione alla stagione sulla terra rossa.

“Non posso dare una risposta certa in questo momento, bisognerà vedere come evolverà la situazione. Quando sarà il momento, prenderò una decisione e lo farò solo dopo essermi confrontato con la mia famiglia e il mio team.

Tutti insieme prenderemo la decisione che riteniamo più opportuna” – ha concluso l’iberico, presente nella entry list degli Internazionali d’Italia.