Courier: "Nadal ha una lunga storia di infortuni dopo aver giocato sul cemento"



by   |  LETTURE 1367

Courier: "Nadal ha una lunga storia di infortuni dopo aver giocato sul cemento"

Dopo l’annullamento di Wimbledon per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale, erano in molti a pensare che gli US Open si sarebbero arresi al medesimo destino. Grazie al miglioramento della situazione in tutto il mondo e al notevole sforzo profuso dalla USTA, lo Slam newyorkese si disputerà alla fine di questo mese.

Non si può fare a meno di evidenziare che sarà un Major particolare, senza pubblico a causa dell’emergenza Coronavirus, oltre a dover fare i conti con alcune assenze molto pesanti. Mancherà anche il campione in carica Rafael Nadal.

L’ex numero 1 del mondo, che in caso di successo al Roland Garros eguaglierebbe il record di Roger Federer, ha ammesso che una transizione repentina dal cemento alla terra sarebbe pericolosa per il suo fisico usurato.

Durante una recente intervista, Jim Courier ha giustificato la scelta del 19 volte campione Slam.

Courier: "È facile mettersi nei panni di Nadal"

“Essendo il campione in carica, tutti quanti avremmo voluto vederlo lì.

Tuttavia, è una scelta comprensibile in seguito alla compressione del calendario. Stiamo parlando di un giocatore che ha una storia di numerosi problemi fisici dopo aver giocato sul cemento, penso che non sia difficile mettersi nei suoi panni.

Allo stesso tempo, è evidente che abbia deciso di puntare tutto sul Roland Garros. Vuole mettersi nelle migliori condizioni possibili per vincere il 13° titolo lì. Credo che se il Roland Garros fosse stato posizionato prima degli US Open, avrebbe giocato anche a New York” – ha dichiarato l’ex numero 1 del mondo.

Nei giorni scorsi, il tennista indiano Sumit Nagal aveva definito quella di Nadal una scelta personale, che non mette in discussione la legittimità degli US Open 2020. “Capisco che Rafa abbia deciso di non partecipare, è una scelta personale che va rispettata.

Tuttavia, è sempre uno Slam che assegna 2000 punti al vincitore. La situazione è decisamente strana per tutti, non è un bel momento, ma bisogna fare tutto ciò che è nelle nostre facoltà”.