Nagal: "La scelta di Rafael Nadal va rispettata, ma gli US Open..."



by   |  LETTURE 3201

Nagal: "La scelta di Rafael Nadal va rispettata, ma gli US Open..."

Il forfait di Rafael Nadal al Masters 1000 di Cincinnati e agli US Open non è stata una grossa sorpresa. Considerando l’emergenza Coronavirus negli Stati Uniti e la compressione del calendario, il fenomeno spagnolo ha deciso di rimanere in Europa per preparare al meglio la stagione sulla terra battuta.

In caso di 13° successo al Roland Garros, l’ex numero 1 del mondo eguaglierebbe infatti i 20 titoli Slam dell’eterno rivale Roger Federer (in campo non prima del 2021). Il maiorchino ha precisato che la sua assenza e quella dello svizzero non incideranno sulla legittimità dello Slam newyorkese, che potrà contare sul numero 1 ATP Novak Djokovic.

Nel frattempo Sumit Nagal, che l’anno scorso si era messo in mostra proprio a Flushing Meadows strappando un set a Federer, ritiene che il torneo abbia ancora le stigmate di uno Slam, poiché offre gli stessi punti in classifica pur disputandosi in condizioni eccezionali.

Nagal: "Gli US Open regaleranno 2000 punti come sempre"

“È sempre uno Slam, stiamo comunque parlando di uno US Open che regala 2000 punti in classifica e il cui vincitore sarà annoverato come ogni altro campione Slam” – ha affermato il giocatore indiano.

“Capisco che Rafael Nadal e pochi altri giocatori abbiano deciso di non partecipare, ma questa è stata una loro scelta personale e bisogna rispettarla” – ha aggiunto. Nagal sarà l’unico rappresentante del suo paese nell’edizione 2020 degli US Open e ha trascorso gli ultimi mesi nella sua accademia in Germania.

Il numero 127 del mondo prenderà parte al Challenger di Praga prima di volare negli USA. “Non si può negare che la situazione sia un po’ strana, non è un momento divertente per nessuno, ma è necessario fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità” – ha concluso.

Le luci delle ribalta saranno tutte su Djokovic, ancora imbattuto nel 2020 e vincitore degli Australian Open ad inizio anno. Al contempo, per la prima volta dal 1999 assisteremo ad uno Slam senza né Federer né Nadal.