Zio Toni: "Cuevas uno degli avversari più temibili per Rafael Nadal sulla terra"



by   |  LETTURE 1918

Zio Toni: "Cuevas uno degli avversari più temibili per Rafael Nadal sulla terra"

Lo zio ed ex allenatore di Rafael Nadal, Toni, ha avuto un ruolo significativo nella progressione del nipote fino ai vertici del tennis. La sua fenomenale capacità di estrapolare il potenziale del maiorchino ha giocato un ruolo fondamentale nella carriera dell’ex numero 1 del mondo, che è ad un passo dall’eguagliare l’eterno rivale Roger Federer a quota 20 titoli Slam.

Rafa è stato allenato da suo zio dal 1990 al 2017 e in quel periodo ha totalizzato la bellezza di 16 Major. Non sorprende che le organizzazioni sportive di tutto il mondo chiedano spesso consiglio a Toni su come istruire i giovani talenti.

In un incontro con la Uruguay Tennis Foundation, una ONG che promuove e insegna il tennis ai bambini, il 59enne spagnolo ha parlato di una serie di argomenti. Molti non si sono fatti sfuggire l’elogio rivolto a Pablo Cuevas, che si è tolto la soddisfazione di battere anche Nadal nelle semifinali del Rio Open 2016.

L’iberico non aveva mai perso contro Cuevas prima di allora, ma l’uruguaiano ha rimontato fino ad imporsi dopo un’emozionante battaglia.

Zio Toni: "Nadal e Cuevas si allenano spesso insieme"

“Ha tanti meriti perché – nonostante un infortunio gravissimo che l’ha tenuto fermo per tanto tempo – è riuscito a rientrare con la stessa intensità e ad ottimo livello.

Quando era al suo meglio, sulla terra rossa era molto difficile da affrontare” – ha dichiarato Toni a proposito di Cuevas. “L’Uruguay è un paese con cui ci sentiamo fratelli, abbiamo una lingua in comune, noi spagnoli ci sentiamo molto vicini al Sudamerica.

Abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con i giocatori di quella zona e con Pablo Cuevas ci siamo spesso allenati insieme” – ha aggiunto. Ha fatto abbastanza scalpore la decisione di Nadal di rinunciare agli US Open, dove l’anno scorso conquistò il titolo in finale su Daniil Medvedev.

Tutti i favori del pronostico sono dalla parte di Novak Djokovic, che dovrà guardarsi le spalle dalle ambizioni dei Next Gen.