Rafael Nadal sugli US Open: "Il vincitore sarà comunque un campione del Grande Slam"



by   |  LETTURE 2331

Rafael Nadal sugli US Open: "Il vincitore sarà comunque un campione del Grande Slam"

Subito dopo l'inaugurazione ufficiale nel 2016, la Rafa Nadal Academy è diventata uno dei centri sportivi più importanti al mondo. Situata a Manacor, città natale del fenomeno spagnolo, quest'accademia dispone di struttura all'avanguardia, di un'infrastruttura adattata ai nuovi tempi che verranno, rinforzata per l'enorme domanda di tennisti e tifosi che vogliono partecipare e che visitano da tempo queste strutture.

Rafael Nadal e la sua accademia sono presenti in un documentario come parte della ripresa della Spagna dopo la pandemia. Rilevante, il distanziamento sociale è stato assicurato da Nadal durante le riprese che si sono svolte presso l'accademia.

Le parole di Rafael Nadal su questo particolare momento

Parlando di questa particolare situazione Rafael Nadal ha dichiarato: "Come tutti gli altri, la reclusione ha avuto un forte impatto su di me, ma ne ho anche tratto un lato positivo: il tempo che ho potuto avere per pensare a come possiamo fare le cose migliori e come possiamo realizzare il mondo che vogliamo"

Rafa ha poi continuato: "Sono stato giovane e so quanto sia stato difficile per i miei genitori aiutarmi a cercare di realizzare questo grande sogno. Alla fine è stata la scuola da un lato e l'allenamento con i tornei dall'altro ad aiutarmi e sono cose complicate che richiedono tanto tempo.

Penso che l'Accademia ha risolto questo problema per gli studenti" Nonostante l'Us Open vedrà un torneo privo di tante cose Rafa Nadal ha commentato in videoconferenza ed ha dichiarato: "Il torneo è fantastico, parliamo di un Grande Slam.

Non sono quel tipo di persona da dire che il torneo non è così grande solo perché io non ci sono, sarei arrogante in tal caso. Certo, sarà un torneo in circostanze speciali, ma è un Grande Slam e il vincitore si sentirà come un vincitore del Grande Slam"

Rafael Nadal ha deciso di non partecipare all'Us Open 2020 perché preoccupato da un situazione che negli Stati Uniti non è stata ancora risolta e che appare ogni giorno sempre più in bilico.