Toni Nadal: "Intuivo che Rafa avrebbe saltato gli Us Open. Ecco il motivo"



by   |  LETTURE 5239

Toni Nadal: "Intuivo che Rafa avrebbe saltato gli Us Open. Ecco il motivo"

Con una decisione per certi versi clamorosi il numero 2 al mondo nonché campione uscente del torneo Rafael Nadal ha ufficializzato qualche giorno fa che non parteciperà alla prossima edizione degli Us Open. Il campione iberico ritiene che la situazione legata al virus sia ancora abbastanza complicata e non sia sicuro effettuare un viaggio per andare negli Stati Uniti.

Attraverso i microfoni di Cadena Ser lo zio ed ex coach del tennista, Toni Nadal, ha parlato della decisione di Rafael di saltare questo torneo, che, si disputerà, tra il 31 Agosto ed il prossimo 13 Settembre.

Le parole di Toni Nadal sulla decisione di Rafael Nadal

Ecco le dichiarazioni di Zio Toni: "La decisione di Rafael Nadal di saltare gli Us Open non mi ha sorpreso.

Era una cosa a cui pensava da diverse settimane. Sono stato in costante contatto con mio nipote per sapere come stava e cosa aveva intenzione di fare. La verità è che ha fatto la scelta più prudente. Quando sai che ci troviamo dinanzi una situazione abbastanza rischiosa l'unica cosa che vuoi è restare vicino casa.

A New York non sai se sarà tutto controllato o no, quindi diciamo che Rafa ha deciso di non esporsi ai rischi. Rafa si è allenato molto in queste settimane e posso dire che è in buone condizioni fisiche.

Ho assistito a qualche suo allenamento e la verità è che lo vedo molto bene, ora che Roma e Parigi si stanno avvicinando Rafa sta lavorando e vuole fare grandi cose. Adria Tour? Cose del genere non accadranno più, quello che abbiamo visto lì è stato tremendo.

Non do colpe a Djokovic, lui ha fatto ciò perché gli è stato permesso. Immagino che una qualsiasi persona dell'Asia che vedeva quelle immagini viveva tutto come un pugno nell'occhio. Le persone sono consapevoli e soprattutto chi viaggia deve capire che bisogna stare molto attenti. Un atleta che prende il virus può avere problemi molto seri. Bisogna che tutti stiano attenti"