Toni Nadal sulla ripartenza: "Il tennis non è come il calcio"



by   |  LETTURE 2047

Toni Nadal sulla ripartenza: "Il tennis non è come il calcio"

Il Country Time Club di Palermo ha ospitato la ripartenza del tennis dopo cinque mesi. Eppure alle porte della mini-stagione negli States si respira ancora una grande incertezza. Dopo aver comunicato il forfait dallo Us Open, Rafael Nadal non è riuscito a dare della garanzie sulla stagione in Europa.

Orfana del "Mutua Madrid Open" e con gli Internazionali BNL d'Italia e ovviamente il Roland Garros alla finestra. Ad arricchire il quadro generale ci ha quasi inevitabilmente pensato lo zio Toni, come sempre impegnato in Academy.

«La sua decisione non mi ha sorpreso. Devo confessare che ci stava pensando da tempo. Anche un paio di settimane fa, quando abbiamo parlato, ho avuto il sospetto che volesse saltare la stagione negli Stati Uniti. E credo che in generale abbia fatto una decisione prudente» ha spiegato lo storico coach al quotidiano spagnolo El Larguero.

«Il tennis non è come il calcio. Nel calcio succede tutto in maniera molto veloce. Le squadre si spostano ventiquattro ore prima, giocano e se ne vanno. In un torneo di tennis magari ti capita di passare venticinque giorni nello stesso posto.

E le opportunità di entrare in contatto con altre persone in quei venticinque giorni sono molte di più».

Le condizioni di Nadal

Nonostante le circostanze, e i dubbi che il periodo ovviamente impone, Toni è comunque riuscito a rassicurare tutti sulle condizioni fisiche di Rafa.

Che si farà trovare pronto quando sarà il momento, tanto per intenderci. «Ho seguito i suoi allenamenti negli scorsi giorni e mi è sembrato molto in forma. Un atleta ha ovviamente bisogno della competizione, anche perché la sola preparazione senza i tornei ti fa perdere la concentrazione.

Rafa adesso sta puntando a Roma e al Roland Garros. E sa che questo è il momento per fare le cose nella maniera giusta» ha concluso. Il torneo di Cincinnati dovrebbe dunque segnare la ripartenza del circuito maschile.

Djokovic, che risulta ancora iscritto alla Entry List dello Slam newyorkese, dovrebbe prendere una decisione definitiva entro la fine di questa settimana. Insomma: la situazione è ancora in evoluzione per la stragrande maggioranza dei personaggi nel circuito.

Da monitorare sempre con grande attenzione c'è sempre la curva del contagio in giro per il mondo... Photo Credit: Getty Images