Un noto medico: "Molti dottori dicevano che Rafael Nadal non poteva fare il tennista"



by   |  LETTURE 3023

Un noto medico: "Molti dottori dicevano che Rafael Nadal non poteva fare il tennista"

Nel corso della sua carriera Rafael Nadal ha ripetutamente ammesso che, rispetto a Roger Federer e Novak Djokovic, ma anche rispetto a tanti altri tennisti suoi contemporanei, ha subito davvero tanti infortuni, alcuni anche molto gravi, ma è fortunatamente sempre riuscito a riprendersi.

Nel corso di un'intervista il medico francese in osteopatia Ben Illouz ha parlato dei gravi infortuni che lo spagnolo ha subito nel corso della sua carriera.

Le parole di Illouz su Rafael Nadal

In particolare, ecco le dichiarazioni del medico sull'attuale numero 2 al mondo: "A volte ci sono persone che in realtà sembrano quasi non soffrire affatto.

Ci sono persone che, in una scala da 1 a 10, ti diranno che hanno dolore a 3 mentre intanto Rafael Nadal sta soffrendo con un dolore pari a 7. Rafa è un tennista che spesso gioca nonostante le infiammazioni e arriva a giocare fino a quando davvero il suo corpo non è davvero in allarme"

Poi continua Illouz: "Abbiamo visto questo quando Nadal si è ritirato al suo primo Roland Garros a causa di una frattura da stress alla pianta del piede. Nadal ha subito questo infortunio in diversi tornei durante la propria gioventù e tanti medici non sapevano come risolvere questa situazione.

Ci sono persone che appena sentono dolore al piede si fermano, invece Rafa già nel 2003 giocava con il dolore al piede e continuava. Quando guardi Nadal giocare in questo modo è davvero imponente. Va sempre oltre ai suoi limiti di forza e raggiunge un'intensità superiore rispetto a qualsiasi uomo comune.

Rafa deve studiare quotidiamente il suo corpo, è quasi un lavoro per lui. Penso che ci sia una squadra che si concentra su tutti i suoi problemi fisici e spesso lo ha dichiarato anche lui. Nonostante ciò che ha subito, è spaventoso come Rafa continui a esibirsi ai massimi livelli, anche se ora riesce a gestirsi di più rispetto al passato.

Molti medici in passato gli hanno detto che non poteva avere una carriera da tennista a causa dei suoi continui infortuni, ma è evidente che lui ha dimostrato a tutti che si sbagliavano"