Nadal: "Sono contento per la Liga andata al Real Madrid, ma ho avuto una delusione"



by   |  LETTURE 6986

Nadal: "Sono contento per la Liga andata al Real Madrid, ma ho avuto una delusione"

È risaputo a tutti gli appassionati di sport e non solo di tennis che una delle più grandi passioni di Rafael Nadal sia il Real Madrid. I Blancos, pochi giorni fa, hanno conquistato l'ennesima Liga della propria storia con il tecnico Zinedine Zidane che ha raggiunto un altro successo alla guida dei madrileni.

Nel corso di un'intervista Rafa ha raccontato di come il Real Madrid e il recente successo raggiunto siano un esempio per lui in questo particolare periodo storico. Ecco le dichiarazioni di Rafa: "Ho constatato fin dall'inizio un grande impegno personale da parte di ogni giocatore del club.

Inoltre durante la Pandemia loro hanno rispettato le regole e adempiuto alla loro routine, ho notato che sono tutti tornato in un ottimo stato di forma e non era una cosa semplice. Per me è un buon esempio di auto-miglioramento, mostra sia la passione che l'impegno che uno fa per il proprio lavoro"

Le parole di Rafael Nadal sulla conquista del titolo del Real Madrid

L'attuale numero 2 al Mondo ha così dichiarato: "Con la vittoria del titolo del Real Madrid ho vissuto una giornata felice per i Blancos, ma allo stesso tempo triste per la retrocessione del mio Maiorca.

È una situazione agrodolce poi perché non possiamo festeggiare con i fan e che sia loro che anche gli sportivi hanno vissuto situazioni molto tristi. Alla fine tutte le persone sono consapevoli della situazione in cui ci troviamo e che non possiamo rilassarci.

Contagi? Le cose sembrano andare meglio, ma abbiamo ancora casi. Spero che tutte queste gioie possano essere celebrate in futuro con la nostra gente" Attualmente il giocatore si sta allenando in vista delle prossime gare di tennis ed in particolare si allena in vista dell'inizio della stagione sulla terra rossa, con l'obiettivo Roland Garros sempre in prima linea.

La presenza del campione spagnolo agli Us Open è ancora a forte rischio, a causa del grande numero di contagi che ogni giorno avvengono negli Stati Uniti, ma il tennista dovrebbe apparire senza problemi nei tornei di Madrid, Roma e appunto di Parigi.