Zio Toni: "Questo stop potrebbe essere costato uno Slam a Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 3760

Zio Toni: "Questo stop potrebbe essere costato uno Slam a Rafael Nadal"

Mentre il tennis è fermo da inizio marzo a causa dell’emergenza Coronavirus, Rafael Nadal si sta preparando per la ripresa della stagione 2020. A poco più di un mese dalla ripresa del circuito, il numero 2 del mondo si mantiene in forma allenandosi nella sua Accademia a Manacor.

Lo zio ed ex allenatore dello spagnolo, Toni Nadal, ha rivelato come il 19 volte campione Slam stia affrontando questa difficile situazione. Toni si è soffermato anche sull’impatto che la sospensione del tour ha causato all’ex numero 1 ATP.

Rafa dovrà decidere se recarsi a New York per disputare gli US Open, oppure concentrarsi soltanto sul Roland Garros per cercare di eguagliare il record di Slam dell’eterno rivale Roger Federer. Nelle prossime settimane avremo certamente aggiornamenti ulteriori al riguardo.

Zio Toni: "Nessuno ha beneficiato di questa situazione"

“Il tempo trascorso in isolamento è stato piuttosto lungo e complicato. Non sappiamo ancora quando finirà questa situazione o quando torneremo ad una vita normale.

Lentamente ci stiamo dirigendo verso la normalità. Rafa ha iniziato ad allenarsi, fa tutto gradualmente, giorno dopo giorno, ma l’ho visto in forma” – ha spiegato Toni in un’intervista al quotidiano spagnolo ‘La Razon’.

“Io credo che nessuno abbia beneficiato di questo periodo. I migliori giocatori hanno perso quasi un anno in cui potevano vincere i tornei. Tutti sono stati svantaggiati, non c’è discussione in merito. Coloro che erano pronti a fare il salto di qualità si sono dovuti fermare” – ha aggiunto.

Il tempo non è un alleato per i Big 3, intenzionati a sfruttare gli ultimi anni delle rispettive carriere per conquistare il maggior numero di Slam possibile. “Pensate a Rafa, quando era un ragazzino e salì al numero 70 del mondo, non sarebbe stato troppo condizionato se fosse accaduta una cosa del genere.

Questo stop potrebbe essergli costato un titolo dello Slam. Novak Djokovic, Roger Federer e Rafael Nadal sono arrivati ad un’età in cui non hanno molte opzioni” – ha concluso Toni.