Il bellissimo saluto di un allievo alla Rafael Nadal Academy



by   |  LETTURE 2976

Il bellissimo saluto di un allievo alla Rafael Nadal Academy

Attraverso i social media il numero 2 al mondo Rafael Nadal è stato elogiato sui social media da Ryunosuke Watanabe, uno studente che ha appena completato il suo quarto anno alla Rafael Nadal Academy, accademia appunto del campione spagnolo.

Il giovane tennista giapponese è stato uno dei primi allievi ad arrivare nell'accademia del tennista maiorchino. Ryunosuke si è unito a lui 4 anni fa quando aveva solo 14 anni. Il ragazzo ha scritto un bel post sui social per salutare l'Accademia.

Ecco il messaggio: "La Rafael Nadal Academy è il luogo dove sono cresciuto dai 14 ai 18 anni. Da tutte le cose che ho fatto e vissuto, essere uno degli studenti della RNA e dice fare parte della grande famiglia Nadal è qualcosa che mi renderà orgoglioso per il resto della mia vita.

In questi quattro anni ci sono stati alcuni alti e bassi, ma sono incredibilmente grato per tutto il vostro supporto. Senza di voi ragazzi, non sarei la persona che sono ora" Poi il giovane ragazzo continua: "Sono un po' lontano dalla persona che voglio essere, ma qui ho incontrato tante persone meravigliose con cui sinceramente vorrei passare molto più tempo.

Ti rendi conto dell'importanza di qualcuno o qualcosa solo dopo averli persi. Ma sono sicuro che tutti i ricordi e le connessioni che ho creato all'Accademia mi aiuteranno a superare qualsiasi problematica futura. Grazie mille a ciascuno dei membri del personale dell'Accademia per essersi preso cura di me negli ultimi 4 anni.

Spero di vedervi presto"

Il messaggio di addio di Watanabe a Rafael Nadal

Il giovane ragazzo ha anche voluto esprimere gratitudine a Rafael Nadal con queste parole: "Sei il mio modello di ruolo. Grazie per avermi dato così tante opportunità negli ultimi 4 anni.

Grazie a te ho vissuto i momenti migliori della mia vita. Tu e la tua famiglia ci avete mostrato come essere gentili con gli altri. Sei la persona a cui mi ispiro da quando ho iniziato a giocare a tennis. Non riesco nemmeno a immaginare la pressione che provi sempre, ma qualunque cosa farò in futuro, darò il mio meglio, proprio come mi hai insegnato tu"