Rafael Nadal: "Mi piacerebbe chiudere la carriera a quota 25 Slam"



by   |  LETTURE 6098

Rafael Nadal: "Mi piacerebbe chiudere la carriera a quota 25 Slam"

Il numero 2 del mondo Rafael Nadal sta sfruttando al meglio la sospensione del circuito ATP a causa dell’emergenza Coronavirus. A differenza di altri sport che hanno già ripreso le competizioni ufficiali, il tennis professionistico ricomincerà fra qualche settimana.

Il fenomeno spagnolo rinuncerà probabilmente a difendere il titolo agli US Open, visto che il direttore del Mutua Madrid Open Feliciano Lopez ha già annunciato la partecipazione dell’iberico al Masters 1000 nella capitale spagnola (che prenderà il via la settimana successiva alla conclusione dello US Open).

Nel corso di una lunga intervista a Sue Barker per BBC Sport, l’ex numero 1 del mondo ha rivelato come ha trascorso questo lungo periodo lontano dai campi. Il 19 volte campione Slam ha sviluppato la sua passione per la cucina, merito anche delle prelibatezze che offre l’isola di Maiorca.

Nadal: "L'eccesso di ambizione può essere dannoso"

“Tutti hanno fatto cose diverse nel corso di questo periodo” – ha esordito Nadal. “Ho provato a cucinare più di quanto non facessi prima.

In questi momenti è importante divertirsi un po’. Adoro i frutti di mare, ma mi piace fare anche il brodo di pesce con riso” – ha aggiunto. Nonostante gli innumerevoli successi già conseguiti, Rafa punta ad aggiungere altri titoli dello Slam nella sua bacheca.

Quest’anno potrebbe infatti eguagliare i 20 Major del suo eterno rivale Roger Federer. “Come dico sempre, sono molto felice di come la mia carriera si sia sviluppata lungo tutti questi anni. Non posso impazzire pensando continuamente ai 20 Slam o al fatto che Novak Djokovic sta vincendo di più.

Cerco solo di andare avanti per la prima strada e divertirmi giocando a tennis. Ovviamente mi piacerebbe concludere la mia carriera con 25 Slam, ma l’eccesso di ambizione può anche essere molto negativo. Voglio continuare a seguire il mio percorso.

Spero di riuscire a garantirmi ulteriori opportunità nei prossimi due anni” – ha confidato il dodici volte campione del Roland Garros (in programma dal 27 settembre dopo Madrid e Roma).